martedì 15 ottobre 2019
menu
In foto: Su 2.058 tirocini avviati, 1.529 sono stati portati a termine: 2.700 euro l'anno per ogni tirocinante e un incentivo di mille euro per le imprese, l'investimento dello stato.
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
mar 23 feb 2010 17:49 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

i risultati del progetto sperimentale “Lavoro nell’inclusione sociale dei detenuti beneficiari dell’Indulto”, realizzato a partire dalla fine del 2006 grazie all’accordo tra ministero del Lavoro e ministero della Giustizia e affidato a Italia Lavoro. Ad essere maggiormente coinvolti sono stati gli uomini italiani, destinati a mansioni di addetti servizi di pulizia (34,2%), giardinieri (15,5%) e operai (11,7%).
“L’85% dei detenuti assistiti non torna a delinquere”. Il coordinatore nazionale dei Garanti regionali Salvo Fleres commenta i dati del progetto: “Un detenuto in carcere costa da 70 a 100 mila euro l’anno, mentre una borsa lavoro costa 25 mila euro una tantum e produce un alto indice di non ritorno alla pena”.
Forlani, di Italia Lavoro: “Sono numeri grandi per l’Italia, ma insignificanti se rapportati al potenziale che bisognerebbe attivare. Serve un’azione strutturale”.
(Redattore Sociale)

Notizie correlate
di Simona Mulazzani   
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna