domenica 20 ottobre 2019
menu
Icaro Sport

Basket C Dil. 'Giornata Unicef' sabato prossimo per Angels-Castiglione Murri

In foto: L'incasso sarà interamente devoluto all'Unicef per Haiti.
di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 23 feb 2010 19:17 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Non se ne parla più, le righe sui quotidiani nazionali e i minuti nei Tg scarseggiano, eppure l’emergenza umanitaria ad Haiti è più grave ogni giorno che passa. Agenzia leader nei soccorsi è Unicef, che chiama a raccolta tutti quanti possano dare una mano, anche piccola, per far sì che i bambini sfortunati che stanno vivendo momenti terribili dopo il terremoto possano almeno trovare un attimo di ristoro – si legge in una nota degli Angels -.

Il Santarcangelo Basket, assieme al Comitato Unicef di Rimini, ha istituito la “Giornata Unicef”, che si svolgerà sabato prossimo al PalaAngels in occasione della partita casalinga dei gialloblù contro Castiglione Murri (ore 21). Un momento in cui tutti i presenti potranno aiutare, per quanto possibile, i piccoli coinvolti nella tragedia.

«Questo terremoto ha causato un’emergenza umanitaria di carattere catastrofico – dice la presidente del comitato riminese Unicef, Anna Maria Piraccini -. La situazione ancora oggi è spaventosa ma noi non ci perdiamo certo d’animo e facciamo il massimo. Il flusso di sfollati verso le zone non colpite e le campagne aumenta di giorno in giorno, i senzatetto hanno raggiunto la quota di 1 milione e dopo le prime piogge ci sono state frane e altri morti, che purtroppo hanno coinvolto di recente quattro bambini nel crollo di una scuola».

Cosa sta facendo Unicef?
«Cerchiamo il più possibile di ricondurre alla normalità la situazione, anche portando a scuola i ragazzi. Dal 1° febbraio Unicef ha avviato lo screening per comprendere meglio e classificare i casi di malnutrizione acuta, grave e moderata. In vari trasporti abbiamo portato là vitamina A, zinco, sali reidratanti, plumpynut, latte terapeutico F75 e F100. Poi acqua e igiene, davvero fondamentali».

C’è quindi bisogno di tanto aiuto da parte di tutti.
«Gli sportivi hanno cuore e so che possono dare una grande mano. C’è bisogno di tante cose. I bambini non devono soffrire, il primo diritto è vivere».

Appuntamento quindi a sabato alle 21, tutto quello che verrà raccolto sarà devoluto al comitato riminese Unicef che lo invierà ad Haiti per gli aiuti.

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna