mercoledì 16 ottobre 2019
menu
In foto: Il consumo farmaceutico territoriale di classe A-Ssn cresce del 4,9% rispetto al 2007. Lo certifica il rapporto Osmed 2008, realizzato dall'Istituto superiore di Sanità e dall'Agenzia italiana del farmaco (Aifa):
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
gio 9 lug 2009 15:49 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

il rapporto è e presentato questa mattina nella sede dell’Iss. Attraverso le farmacie pubbliche e private sono stati acquistati nel 2008 complessivamente 1,8 miliardi di confezioni (circa 30 per abitante).
Tutte le categorie terapeutiche, ad eccezione dei farmaci del sistema respiratorio e degli antineoplastici, fanno registrare un incremento delle dosi prescritte rispetto al 2007. Tra quelle a maggior consumo, come ogni anno, in cima alla lista dei più utilizzati ci sono i farmaci del sistema cardiovascolare (+5,2%), con oltre 5 milioni di euro di spesa, coperti per il 93% dal Ssn. Seguono i farmaci gastrointestinali (13% della spesa), i farmaci del sistema nervoso centrale (12,1%), gli antimicrobici (11%) e gli antineoplastici (11%). Nel complesso, la spesa farmaceutica totale, comprensiva della prescrizione territoriale e di quella erogata attraverso le strutture pubbliche è stata di 24,4 miliardi di euro circa, di cui il 75% rimborsata dal Servizio Sanitario. In media, per ogni cittadino italiano, lo Stato ha speso 410 euro per un periodo di trattamento di 537 giorni.
(Ansa)

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna