mercoledì 23 gennaio 2019
In foto: Sono stati ascoltati oggi, nella prima udienza del processo Omezzine, i carabinieri che effettuarono l'arresto e il consulente del Pm. Omezzine nel 2008 uccise un connazionale per motivi passionali.
di    
lettura: 1 minuto
sab 18 lug 2009 17:33 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

È iniziato oggi il processo in corte d’Assise a Rimini a carico di Tarek Omezzine, il 30enne tunisino, che lo scorso anno accoltellò a morte il connazionale, Allaia Med Soufieny, 25 anni, davanti un bar a Miramare. Gli screzi tra i due erano sorti per gli apprezzamenti poco lusinghieri rivolti dalla vittima, alla fidanzata di Omezzine. Ma la donna, aveva raccontato di un debito di seimila euro e di una questione di droga. Oggi sono stati ascoltati i carabinieri che hanno effettuato l’arresto e i sopralluoghi.
Il consulente del Pm ha fatto poi il punto sull’autopsia: 4 le coltellate inferte all’uomo, 2 delle quali mortali. È emerso poi che la vittima, il giorno del delitto, aveva un tasso alcolico superiore ad 1.
I rilievi hanno appurato anche che lo stesso Omezzine aveva riportato lesioni ad una mano e alla testa compatibili con ferite da coltello.
Secondo la difesa, una prova della tesi sostenuta dall’imputato: il tunisino ha sempre detto che si è trattato di legittima difesa, e che il coltello apparteneva alla vittima, colpita a morte nel corso della colluttazione.

La prossima udienza si terrà il 25 settembre.

Newsrimini.it

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna