mercoledì 23 gennaio 2019
In foto: In mattinata i tecnici dell'Ausl hanno effettuato ulteriori prelievi dal campo dove nella notte si è sprigionata la nube tossica. (vedi precedente notizia)
di    
lettura: 1 minuto
sab 4 lug 2009 17:38 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

La sostanza incriminata chiamata Vapam e contenente Metam Sodio” (sostanza irritante per le vie respiratorie e per la pelle) era in una cisterna che collegata alla rete di irrigazione distribuiva il prodotto alle piante.
Il primo a lanciare l’allarme, è stato il comandante della polizia stradale di Rimini, Angelo Frugieri, che abita di fronte al terreno agricolo.
In totale sono state 15 le persone portate al Pronto Soccorso di Rimini e 6 a quello di Riccione. Tutti dimessi oggi tranne tre bambini che saranno tenuti in osservazione anche domani.
La nube ha intossicato le famiglie residenti in via Pietrarubbia e in via dei Molini.
Il comune intanto, in attesa degli esiti dei controlli tecnici, ha predisposto intanto il divieto di raccolta, di vendita e di consumo dei prodotti coltivati nel raggio di 500 metri dal punto in cui era posta la cisterna contenente il prodotto chimico.

Il proprietario del terreno, l’imprenditore agricolo Riccardo Astolfi, è stato indagato. Ha detto che venerdì era la prima volta che usava il Vapam (gli altri prodotti usati in precedenza non sono più in commercio) e di averlo fatto consultando un agronomo.
Astolfi ha chiesto scusa ai residenti per i disagi causati.

(nella foto Bove, la tanica che conteneva il prodotto chimico)

Altre notizie
di Redazione
aveva derubato un compagno

Furto a scuola: diciottenne arrestato

di Redazione
Notizie correlate
L'ultimo sindaco comunista

Si è spento l'ex sindaco Zaffagnini

di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna