lunedì 16 settembre 2019
menu
In foto: Maxi operazione dei carabinieri del Ros contro la tratta di esseri umani: 30 le ordinanze di custodia cautelare in corso di esecuzione in queste ore in Italia, Nigeria ed altri Paesi europei.
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
mer 24 giu 2009 09:40 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Smantellata un’organizzazione a delinquere che reclutava ragazze nel Paese africano e le costringeva a prostituirsi in Italia, riducendole in stato di schiavitù, con minacce di vario
genere.
Tra gli indagati anche due medici italiani che avrebbero fatto abortire alcune delle giovani.
A coordinare le indagini è la Procura distrettuale antimafia di Ancona, che ha chiesto ed ottenuto provvedimenti restrittivi nei confronti 30 persone, tutte accusate di associazione per delinquere finalizzata alla
tratta di esseri umani, riduzione in schiavitù, favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.
Al centro degli accertamenti del Raggruppamento operativo speciale dell’Arma un sodalizio transnazionale, di matrice prevalentemente nigeriana, dedito allo sfruttamento di
connazionali, fatte giungere illegalmente in Italia e ridotte in schiavitù con il ricorso a violenza, riti esoterici e minacce
ai familiari nel paese di origine.
Documentate anche numerose interruzioni di gravidanza delle vittime da parte di due medici italiani e di due nigeriani, considerati dagli investigatori “referenti del sodalizio nella
capitale”, che sono stati raggiunti da un’ulteriore ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa su richiesta della
Procura della Repubblica di Roma.

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna