20 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Sfigurata con acido a S. Giovanni: tre arresti. Dietro, soldi e passioni

CronacaValconca

27 giugno 2009, 15:59

in foto: I carabinieri di Riccione hanno arrestato il presunto mandante e gli autori materiali dell'aggressione del 23 agosto 2008 a San Giovanni in Marignano ai danni di una donna di 52 anni sfigurata con l'acido mentre dormiva sul divano di casa.

Si tratta di Giuseppe D’Onofrio, 52 anni, di
Montesarchio (Benevento); Rosetta Nuzzo, 37 anni, di Caserta e residente a Bonea (Benevento), nonchè nipote della vittima; Angelo Iadanza, 25 anni, di Benevento e residente a Montesarchio. Sono accusati di rapina
aggravata e lesioni personali aggravate, il primo come mandante, gli altri come esecutori materiali. La vittima si era trasferita da anni con il marito nel riminese dal casertano: i due erano titolari di una ditta di autotrasporti, poi alla morte del coniuge era rimasta da sola a gestirla.
Le indagini, coordinate dal pm Marino Cerioni, hanno stabilito che la porta dell’abitazione della donna non era stata scassinata dagli aggressori, che evidentemente conoscevano la
vittima. Seguendo la pista del movente passionale ed economico, gli investigatori si sono indirizzati su D’Onofrio, ex dipendente della vittima, con la quale aveva avuto anche una relazione: la donna gli aveva dato le chiavi di casa. Tra i due era finita per la conflittualità sorta in seguito a questioni economiche. D’Onofrio aveva poi cominciato una relazione con la nipote dell’aggredita, Rosa Nuzzo, fatto che aveva ancora di più peggiorato i rapporti. Inoltre dalle indagini è emerso che Iadanza, nipote di D’Onofrio, era fidanzato con la figlia della Nuzzo.
Le intercettazioni hanno confermato il complesso intreccio sentimentale e di interessi economici, conflittuali e divergenti, a causa dei quali sarebbe stata organizzata l’aggressione. Nel corso delle perquisizioni, a casa di D’Onofrio
i militari hanno trovato una pistola a tamburo Smith & Wesson calibro 22 con matricola abrasa e 22 cartucce. Per lui quindi anche l’accusa di possesso di armi clandestine. (ANSA).

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454