venerdì 18 gennaio 2019
In foto: 7 milioni di euro di ritenute su provvigioni non operate e non versate da un impresa riminese sono stati recuperati dalla Guardia di Finanza.
di    
lettura: 1 minuto
mer 24 giu 2009 10:14 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Destinatarie delle provvigioni in questione due società sammarinesi per prestazioni d’agenzia, operanti in Italia, che avrebbero totalizzato redditi per 23milioni di euro sfuggiti alla tassazione italiana. Di fatto una nota azienda di commercio all’ingrosso di cancelleria, giocando sul fatto che i redditi degli agenti di commercio italiani sono classificati come redditi d’impresa, non aveva applicato alcuna ritenuta sulle provvigioni corrisposte ad agenti sammarinesi. La legge invece prevede una ritenuta alla fonte del 30% per tutte le prestazioni rese in Italia, anche se da soggetti non residenti.
Vista l’elevata incidenza delle provvigioni rispetto alle vendite fatturate dall’azienda riminese, le Fiamme Gialle sospettano che la sede delle 2 società d’agenzia che operano esclusivamente in Italia sia stata collocata a San Marino solo per motivi fiscali.

L’azienda coinvolta sarebbela EDK di Torriana controllata dal gruppo Karnak. La Karnak era stata portata alla ribalta alcune settimane fa dalla trasmissione Report di Rai Tre, che l’aveva presa ad esempio di azienda con fatturato in Italia ma sede sul Titano per godere di vantaggi fiscali: la Karnak aveva annunciato il ricorso alle vie legali contro Report.

Altre notizie
in un garage a santarcangelo

Scovato deposito di ricambi d'auto rubati

di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna