mercoledì 23 gennaio 2019
In foto: Ancora un atto vandalico sotto casa di Adrian Ricchiuti, diventato l'obiettivo dello sfogo dei facinorosi per la retrocessione del Rimini. Questa notte è stata messa una bomba carta sotto l'auto del giocatore italo-argentino.
di    
lettura: 1 minuto
mar 16 giu 2009 13:05 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Ancora minacce per Adrian Ricchiuti. Ieri sera alle 24, il capitano del Rimini, è stato svegliato dal boato provocato dall’esplosione di una bomba carta, posizionata sotto la sua auto, una Fiat500 bianca. Adrian, pur essendosi subito affacciato, dal balcone della sua abitazione, ha potuto vedere solo due persone allontanarsi su un motociclo, senza poter fornire maggiori generalità. Nessun danno grave a persone o cose, esclusa la sua auto, lievemente danneggiata.

Venerdì scorso, ignoti si erano già recati sotto la casa di Adrian Ricchiuti, che in quel momento era in ritiro con la squadra: avevano suonato il campanello, svegliando moglie e figli, e scritto sul muro “Ricchiuti vattene”.

Ieri sera alcune scritte sono comparse anche sotto la casa di Biagio Pagano.

In merito, è arrivato anche un commento dell’assessore comunale alla Polizia Municipale, Roberto Biagini: “L’unica cosa che in questo momento mi sento di esternare è il senso di vergogna che provo come cittadino riminese di fronte ai famigliari di Adrian Ricchiuti e di tutte le famiglie dei giocatori del Rimini che stanno vivendo con preoccupazione,ansia e paura questi momenti. Tutto ciò è assurdo!”

(nella foto Bove, il capitano del Rimini, Adrian Ricchiuti)

Altre notizie
di Icaro Sport