lunedì 22 luglio 2019
menu
In foto: Gabriella Spada, moglie di Emanuele Giacomelli presidente del gruppo commerciale prima del crac da 750 milioni di euro, dovrà scontare quattro anni di carcere.
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
gio 25 giu 2009 16:06 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Questa la condanna patteggiata oggi davanti al giudice del Tribunale di Rimini.
Condannati anche i due manager dell’azienda, Vittorio Fracassi e Stefano Pozzobon: la sentenza stabilisce che al primo venga sequestrato il suo pacchetto azionario e al secondo un immobile del valore di 600.000 euro. Sono tutti beni che consentiranno ai curatori di far proseguire l’attività del gruppo e quindi di non licenziare i dipendenti.
Per pagare curatori fallimentari e creditori, i giudici hanno anche disposto il sequestro della villa di famiglia, due milioni e mezzo in azioni e uno yacht da 30 metri. Ma soprattutto è stato stabilito un risarcimento da 400 milioni di euro.
Emanuele Giacomelli era stato già stato condannato a nove anni e quattro mesi con il rito abbreviato.

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
di Redazione   
di Simona Mulazzani   
FOTO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna