lunedì 21 gennaio 2019
In foto: Piena solidarietà alla famiglia, e stop ai commenti in libertà fuori luogo dopo la retrocessione del Rimini. Il sindaco Ravaioli interviene su quanto accaduto negli ultimi giorni:
di    
lettura: 1 minuto
mar 16 giu 2009 13:37 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

“Mi pare che la bilancia si sia spostata pericolosamente verso l’ingratitudine e quindi il rancore. Quasi che un campionato sfortunato possa far dimenticare l’impegno, gli sforzi, la passione ultradecennale di Cocif e squadra’. “La notizia della bomba carta messa da ignoti nei pressi dell’abitazione del capitano del Rimini Calcio, Adrian Ricchiuti, deve essere un monito per tutti affinché non si alimenti un clima di odio e di aggressività intorno alla squadra e alla società biancorossa.
Ho sentito purtroppo negli ultimi giorni troppe parole in libertà, analisi ingiuste e ingiustificate, opinioni dietologiche e concitate, intorno al fatto sportivo e al futuro del Rimini. Mi pare che la bilancia si sia spostata pericolosamente verso l’ingratitudine e quindi il rancore. Quasi che un campionato sfortunato possa far dimenticare l’impegno, gli sforzi, la passione ultradecennale di un’azienda come la Cocif o l’abilità e l’amore che negli anni i veri tifosi hanno sempre dimostrato nei confronti dei giocatori e dello staff tecnico. Questa cultura apocalittica non appartiene a Rimini e da Rimini dunque va decisamente respinta.
Nel dare la piena totale solidarietà a Ricchiuti e ai suoi familiari, e nello sperare che il fatto sia presto derubricato in uno scherzo di pessimo, pessimo gusto, chiedo agli addetti ai lavori e ai tifosi di abbassare i toni e riportare la discussione su un binario prettamente sportivo”.

Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna