Indietro
menu
Cronaca Rimini

Processo Pantani, condannato solo Carlino. Le critiche di mamma Tonina

In foto: Ultimo atto al Tribunale di Rimini per il processo Pantani. Alla sbarra Elenea Korovina e Fabio Carlino. (il servizio di E' Tv)
di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 14 gen 2008 19:42 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’ultimo atto del processo riminese per la morte di Marco Pantani si chiude con la condanna a 4 anni e mezzo di reclusione di Fabio Carlino, lo spacciatore che si era sempre dichiarato innocente e aveva rifiutato di patteggiare. Come invece avevano fatto Fabio Miradossa, Ciro Veneruso e Ramirez Cueva: già condannati con pene da 4 anni e 10 mesi ad un anno e 11 mesi. Assolta, invece, la dama nera, Elena Korovina, l’ultima compagna del Pirata, accusata di averlo messo in contatto con chi gli ha fornito la droga. Ma la sentenza di oggi non soddisfa e non scioglie i dubbi della madre di Marco Pantani. “Mi lascia indifferente” ha detto, “si tratta della condanna all’ultimo spacciatore. Ma il processo non ha chiarito la verità”.
Una reazione prevedibile, dopo le dichiarazioni già rilasciate nei giorni scorsi da mamma Tonina e dopo la decisione, della procura di Forlì, di convocarla per parlare delle minacce di morte che il figlio avrebbe ricevuto all’epoca di Madonna di Campiglio. Ora Tonina guarda a Forlì con risolutezza perchè, dice, a Rimini l’inchiesta non si è svolta con serietà.
“Mi restano tanti dubbi. Spero si apra un nuovo processo sulla morte di mio figlio”. Infine, parlando del risarcimento danni di 300mila euro che lei e il marito riceveranno da Carlino: “Li userò per una scuola di ciclismo. Di ciclismo vero”.
(newsrimini.it)