Indietro
menu
Rimini

L'uomo delle emergenze: è arrivato il nuovo prefetto, Vittorio Saladino

In foto: Cosentino, 57 anni, sposato con due figli, laureato in Giurisprudenza, con una lunga e articolata carriera istituzionale alle spalle, Vittorio Saladino è uno abituato alle emergenze.
di    
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
gio 10 gen 2008 16:56 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dal terremoto in Umbria ai rifuti campani, fino alla criminalità organizzata siciliana: il suo ultimo incarico è stato quello di Prefetto di Agrigento.
“Dall’emergenza sismica sono passato anche ad emergenze di ordine sociale e criminale – ha raccontato al nostro microfono – Sono stato in Campania come presidente della Commissione Straordinaria di un Comune sciolto per Camorra; sono stato in Sicilia, soprattutto nella zona più periferica ed emerginata come quella di Lampedusa ed Agrigento, dove c’é l’alta Mafia che é un ostacolo vero allo sviluppo di quelle realtà. Ho affrontato emergenze quotidiane che vanno dalla mancanza di acqua ai servizi di nettezza urbana, i servizi essenziali e la disoccupazione elevatissima”.
Inevitabili le domande sulla nuova Questura, caso riaperto ieri dal Prefetto uscente Mannino. Ma Saladino di risposte non ne ha, perché del problema deve ancora prendere conoscenza. A parte un breve passaggio come turista, oggi è stato il suo primo giorno riminese. In attesa di prendere conoscenza del territorio e di incontrare le altre istituzioni, qualche idea su quelli che possono essere le questioni principali, il nuovo Prefetto però ce l’ha.
“Problemi di droga, prostituzione, gioco d’azzardo, abusivismo commerciale, problematiche che ruotano intorno a un’industria del divertimento. E gli immigrati: io ho l’esperienza di posti dove transitano come la Sicilia, dove ad Agrigento e Lampedusa gli immigrati veninvano soccorsi come prima accoglienza. Poi però vengono da queste parti, nell’Italia centrale e settentrionale, per trovare un posto di lavoro. E non nascondo che anche da queste parti nascono problemi legati all’immigrazione”.
(newsrimini.it)

_________________________________________________

Il profilo professionale di Vittorio Saladino trasmesso dalla Prefettura di Rimini:

Nato a Belmonte Calabro (CS) il 10.01.1951, coniugato con due figli, è entrato nell’Amministrazione Civile dell’Interno nel 1978, come Consigliere di Prefettura, ed è stato assegnato nello stesso anno alla Prefettura di Catanzaro, ove ha ricoperto l’incarico di Capo di Gabinetto, di Componente della Giunta Provinciale Amministrativa – sia della Sezione Tutela che dei Tributi Locali -.
Ha svolto indagini amministrative per conto della Procura della Corte dei Conti e per delega dell’Ufficio dell’ Alto Commissario per il coordinamento della lotta antimafia.
E’ stato trasferito, nel 1996, alla Prefettura di Perugia, ove ha disimpegnato funzioni di Capo di Gabinetto e successivamente di Viceprefetto Vicario.
Nominato Prefetto, con delibera del Consiglio dei Ministri adottata nella seduta del 22.12.2005, ha svolto per tutto l’anno 2006 le funzioni di Presidente della Commissione Straordinaria presso il Comune di Boscoreale (NA), sciolto per infiltrazioni della criminalità organizzata, e nel 2007 quelle di Prefetto di Agrigento.

Titoli di studio e professionali
· Laurea in Giurisprudenza , conseguita nel 1976 presso l’Università degli Studi di Messina;
· Procuratore Legale;
· Revisore Contabile, regolarmente iscritto nel relativo Registro Nazionale;
· Certificato di frequenza e superamento con alto merito del corso di formazione manageriale per Direttore Generale di azienda sanitaria (previsto dall’art. 3 bis, comma 4, del Decreto legislativo n.502/1992 e dal D.M. Sanità 1.8.2000), rilasciato dall’Assessore alla Sanità della Regione dell’Umbria, in forza della deliberazione della G.R. n. 780 del 10.06.2003;
· Diploma della Patente Europea per l’uso del Computer – ( ECDL full ) -.
Servizi e incarichi svolti presso la Prefettura di Catanzaro:
– Capo di Gabinetto dal 1988 al 1996;
– Commissario Prefettizio dell’U.S.S.L. n. 18 di Catanzaro (comprensiva di tre presidi ospedalieri, di cui uno regionale, e della Facoltà di Medicina);
– Commissario Prefettizio e Straordinario dei seguenti Comuni della Provincia di Catanzaro: Pizzo, Cicala, Cirò, Davoli, San Calogero, Savelli (1988), Staletti, Mileto, Zambrone, Briatico, Parghelia, Petronà, Savelli (1995/1996);
– Componente effettivo del CO.RE.CO. Sezione Decentrata di Catanzaro (dal 1991 al 1996);
– Componente del Collegio Straordinario dei Revisori dei Conti dell’U.S.L. di Catanzaro;
– Componente del Collegio Straordinario dei Revisori dei Conti dell’U.S.L. di Tropea;

– Docente nei corsi di formazione e aggiornamento professionale dei Segretari Comunali, degli Ufficiali di Anagrafe e Stato Civile;
– Componente di Commissioni giudicatrici di concorsi pubblici presso l’Amministrazione provinciale e presso numerosi Comuni della provincia di Catanzaro;
– Commissario “ad acta” per l’esecuzione di decisioni del Consiglio di Stato e del T.A.R. della Calabria (nei confronti dell’Ente Regione Calabria, di numerosi Comuni della Provincia di Catanzaro e delle Unità Sanitarie locali di Soverato e Catanzaro).
Servizi ed incarichi svolti presso la Prefettura di Perugia :
– Capo di Gabinetto durante il sisma del 1997;
– Ispettore Generale per le attività connesse con la crisi sismica del 26.9.1997 (D.M. 26-1-1998);
– Componente effettivo del Gruppo Interministeriale di Lavoro presso il Dipartimento della Protezione Civile (ordinanza ministeriale nr. 2786 del 15.5.1998);
– Viceprefetto Vicario-Coordinatore dal 2003 al 2005;
– Componente dei Collegi di Vigilanza costituiti presso i Comuni di Perugia e Valfabbrica per l’esecuzione di accordi di programma su importanti opere pubbliche;
– Presidente della 1^ Sottocommissione Elettorale Circondariale di Città di Castello;
– Commissario del Comitato Provinciale della Croce Rossa di Perugia nel 1999;
– Commissario prefettizio e straordinario dei seguenti Comuni della provincia di Perugia: Bettona, Passignano sul Trasimeno, Valfabbrica;
– Componente del Collegio dei Revisori dei Conti della Fondazione per l’Istruzione Agraria in Perugia;
– Commissario “ad acta” presso il Comune di Assisi per la salvaguardia degli equilibri finanziari.