Indietro
menu
Rimini Turismo

Capodanno: 50.000 in piazza per la Rai. CC ritirano 56 patenti

In foto: Protagonista, per il quinto anno, del capodanno riminese é stato ancora lo spettacolo ‘L’anno che verrà’, in diretta Rai da piazzale Fellini.
(il servizio di E' Tv Romagna).
di    
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
mer 2 gen 2008 16:27 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Parlare di numeri paragonabili al Festival di Sanremo o alla nazionale di calcio, come ha fatto il vicesindaco Melucci, sarà pure esagerato, anche perché per molti la tv a capodanno fa solo da sottofondo. Ma, il tanto temuto Auditel e la piazza, hanno premiato Rimini e il suo Capodanno. I numeri parlano di 12 milioni di telespettatori con il picco di share al 70% allo scoccare della mezzanotte, e circa 600.000 telespettatori in più rispetto al 2006. A stappare la bottiglia in piazzale Fellini invece, incuranti del freddo, erano 50mila. In oltre quattro ore e mezza serrate di spettacolo, si sono alternati la musica, di Irene Grandi, Luisa Corna, Orietta Berti, Gianni Nazzaro i Los Locos e la comicità, di Gabriele Cirilli, Manuela Aureli e Dado. Il più atteso, l’ospite d’onore Antonello Venditti, ha scaldato la platea con vecchi e nuovi successi. Non è mancato uno sguardo rivolto ai bisognosi. Nel primo capodanno senza Don Oreste Benzi è proseguita la raccolta fondi attraverso l’sms solidale a sostegno della Comunità Papa Giovanni XXIII. L’anno scorso furono raccolti 248mila euro per le sue case famiglia.
Terminata la diretta, la palla è passata ai locali. Il servizio di navette, che faceva la spola dal centro storico al porto ha funzionato in due tempi: a mezzanotte in centro, oltre ai soliti vandali dei botti e un paio di temerari in pantaloncini, non c’era molta gente. Poi, l’afflusso è stato massiccio: secondo l’agenzia mobilità, in 25.000 hanno preso l’autobus. Il divieto di vendere alcolici dopo le due pare sia stato applicato in modo non troppo rigido. Più inflessibili, invece, i Carabinieri che nella notte di San Silvestro tra Rimini e Riccione hanno ritirato 56 patenti per guida in stato di ebrezza.

_________________________________________________
Il commento di Melucci:

“Dodici milioni di telespettatori per il 70% di share è tetto degno di una serata finale del Festival di Sanremo o di una partita della nazionale italiana nella fase finale dei Mondiali di calcio. Cinque milioni e 700 mila televisori sintonizzati per quasi 5 ore sullo stesso canale è forse risultato ancor più sorprendente e, per certi versi, significativo della punta fatta registrare al momento del brindisi.

Ma la lezione vera del Capodanno di Rimini va oltre questi numeri, comunque memorabili e da non ‘digerire’ nello spazio di un mattino. Dal punto di vista meramente televisivo, nei cinque anni di diretta Rai, la crescita è stata costante se si pensa che nel 2003 la media superava i 4 milioni di telespettatori e il top del brindisi oltrepassava le ‘colonne’ dei 6 milioni di contatti.

Sul fronte della città, mai come quest’anno si è toccata con mano la forza della sinergia tra eventi e sistema: al pacchetto di occasioni di svago, intrattenimento e cultura si abbina infatti Rimini con i suoi 450 alberghi aperti, i suoi ristoranti e pubblici esercizi funzionanti a pieno regime, i suoi luoghi d’incontro.

Credo di non sbagliare se dico che con il 2008 si è definitivamente sfatato il mito della città turistica fisiologicamente in letargo nei mesi invernali: questi sono numeri veri e significativi visto che ogni ospite, ognuno di quei camper che hanno affollato i parcheggi a Marina come in centro e nelle frazioni, è stato letteralmente ‘strappato’ alla concorrenza, che si chiami essa montagna o città d’arte.

Se quasi trent’anni fa un amministratore a Roma si era inventato la ‘neve in agosto’ come attrazione/provocazione, Rimini più prosaicamente ha costruito e vinto la scommessa della ‘spiaggia d’inverno’. Si badi bene, vince perché sa mettere insieme software e hardware o, se vogliamo utilizzare il linguaggio calcistico, inserisce fantasia davanti su una difesa e un centrocampo solidissimi. Dove la solidità è data dallo chassis infrastrutturale che c’è e che verrà (Fiera, offerta privata, nuovo palacongressi, Polo del Benessere) e la creatività da una politica degli eventi ragionata e mirata a destinare le risorse sulle iniziative ‘valore aggiunto’.

Oggi è ancora più chiaro come il Capodanno rappresenti un pezzo fondamentale di questo puzzle, funzionando da traino per l’intero sistema turistico sia in termini di cifre (l’indotto economico che produce) che in termini di ‘intangibles’ (immagine positiva e non legata alla solita oleografia degli ‘incidenti di fine anno’, formidabile iniezione di fiducia per il comparto, spirito di emulazione).

Forse è giunto il momento di dedicarvi maggiore attenzione da parte del sistema Rimini nel suo complesso. Attenzione non solo in termini economici (sarebbe magari auspicabile un impegno più robusto del settore privato), ma soprattutto la convinzione, anche fuori dai confini comunali, che si tratta di evento essenziale per la fortuna e la promozione della nostra costa.

D’altra parte è altrettanto palese che il connubio tra diretta Rai e città di Rimini abbia prodotto un vero e proprio format originale, che esprime il massimo delle sue potenzialità in questo incontro; Capodanni in diretta televisiva organizzati in altre piazze hanno ottenuto risultati neanche lontanamente paragonabili.
Si tratta a tutti gli effetti di un patrimonio ora da non disperdere ma semmai da valorizzare adeguatamente, rafforzare economicamente e ottimizzare sistematicamente partendo però da un presupposto: il brand Rimini è di per sé una fotografia a forte capacità di identificazione per tutta l’Italia. Come Sanremo e la Nazionale di calcio.”

Notizie correlate
Nessuna notiza correlata.