martedì 22 gennaio 2019
In foto: Sabato alle 17.00, alla Galleria d’Arte contemporanea Coppedè, in Via Cairoli 109 a Rimini, si inaugura la mostra personale “Nero…landia”, dell’artista riminese Giulio Neri. Alle 18 seguirà una lettura drammatizzata a tema a cura della dottoressa Claudia Delucca. L'esposizione proseguirà fino al 3 novembre. Alcune note sull'artista trasmesse dalla Galleria: Giulio Neri, nasce in una casa del Borgo San Giuliano di Rimini nel 1949. Avvicinatosi alla pittura da autodidatta, decide di muovere i primi passi nel mondo dell’arte frequentando la scuola di disegno “Umberto Folli”. Egli è un ricercatore per indole, che utilizza la materia come sintesi dell’opera. Siamo davanti a quadri senza orizzonti, che suscitano diverse sensazioni: ci specchiamo, ci entriamo dentro con una facilità estrema, siamo trascinati dalla materia e trasportati dai colori forti con entusiasmo. Iniziamo a conoscerlo così, nella sua normalità quotidiana di padre di famiglia. Poi, guardiamo i suoi quadri: lì, troviamo l’altro Giulio Neri, colui che attraverso la pittura, ci emoziona e ci porta ad ammirare ciò che il quadro apparentemente non mostra, ciò che il colore e la materia non hanno…- l’Emozione- che ognuno di noi cerca ogni giorno”. Informazioni: 0541-786214
di    
lettura: 1 minuto
mar 9 ott 2007 11:10 ~ ultimo agg. 30 nov 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Sabato alle 17.00, alla Galleria d’Arte contemporanea Coppedè, in Via Cairoli 109 a Rimini, si inaugura la mostra personale “Nero…landia”, dell’artista riminese Giulio Neri.
Alle 18 seguirà una lettura drammatizzata a tema a cura della dottoressa Claudia Delucca.
L’esposizione proseguirà fino al 3 novembre.

Alcune note sull’artista trasmesse dalla Galleria:
Giulio Neri, nasce in una casa del Borgo San Giuliano di Rimini nel 1949.
Avvicinatosi alla pittura da autodidatta, decide di muovere i primi passi nel mondo dell’arte frequentando la scuola di disegno “Umberto Folli”.
Egli è un ricercatore per indole, che utilizza la materia come sintesi dell’opera.
Siamo davanti a quadri senza orizzonti, che suscitano diverse sensazioni: ci specchiamo, ci entriamo dentro con una facilità estrema, siamo trascinati dalla materia e trasportati dai colori forti con entusiasmo.
Iniziamo a conoscerlo così, nella sua normalità quotidiana di padre di famiglia.
Poi, guardiamo i suoi quadri: lì, troviamo l’altro Giulio Neri, colui che attraverso la pittura, ci emoziona e ci porta ad ammirare ciò che il quadro apparentemente non mostra, ciò che il colore e la materia non hanno…- l’Emozione- che ognuno di noi cerca ogni giorno”.

Informazioni: 0541-786214

Notizie correlate
di Redazione
mediazione aziendale

Che cos'è il workfare?

di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna