martedì 19 febbraio 2019
In foto: Fabio Miradossa e Ciro Veneruso, rispettivamente pusher di Marco Pantani e l'uomo che gli fece l'ultima letale consegna, sono tornati stamattina nelle aule del tribunale di Rimini.
di    
lettura: 1 minuto
lun 24 set 2007 20:00 ~ ultimo agg. 30 nov 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

I due questa volta però non si sono potuti avvalere della facoltà di non rispondere: entrambi già condannati rispettivamente a 4 anni e 10 mesi e 3 anni e 10 mesi, sono stati interrogati dal pm Berardi come testimoni.
Un colpo di scena che, secondo la pubblica accusa, avrebbe potuto incrinare la posizione di uno dei due imputati al processo: Fabio Carlino, titolare di un’agenzia di ragazze immagine di Rimini, che divideva l’appartamento con Miradossa e che si è sempre dichiarato estraneo alla consegna dell’ultima partita di droga al pirata. Le versioni dei due sono state discordanti su diversi punti tra cui la provenienza dell’ultima consegna: Miradossa ha detto che la droga veniva da Napoli, Veneruso che invece si trovava sotto il materasso di Miradossa nell’appartamento che insieme a Carlino divideva in Viale Regina Elena a Rimini.
Veneruso ha ricostruito le circostanze dell’ultima consegna al Pirata avvenuta in una cabina telefonica nei pressi del residence ‘Le Rose’ il 9 febbraio 2004 a Rimini. Veneruso cedette al pirata 30 grammi di cocaina e ricevette in cambio 4mila euro. La prossima udienza è stata fissata per il 16 novembre quando davanti al giudice compariranno altri testimoni.

Altre notizie
Sala giochi in fiamme

Violento incendio a Riccione

di Redazione
VIDEO
Notizie correlate
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna