martedì 21 maggio 2019
In foto: Un po' più complesse, ma senza problemi di rilievo, le operazioni di brillamento, avvenute ieri, della bomba ritrovata a Coriano. (le immagini nei tg di E' Tv Romagna; 19.20, 20.20)
di    
lettura: 1 minuto
lun 13 ago 2007 09:40 ~ ultimo agg. 30 nov 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Secondo le previsioni il brillamento sarebbe dovuto avvenire intorno a metà mattina, ma con le bombe è necessaria la massima attenzione specie in zone come quella riminese dove i residuati inesplosi della seconda guerra mondiale sono fin troppo diffusi e non sempre in buone condizioni. Così lo scoppio, visto il ritrovamento di altre piccole bombe e di materiale esplosivo, è avvenuto alle 14.45, ritardando di qualche ora il ritorno a casa dei 250 sfollati, residenti nei pressi del luogo di ritrovamento dell’ordigno: via Rigardara a Cerasolo di Coriano, in un cantiere poco distante dalla Superstrada per San Marino. Per gli sfollati, visto la giornata di sole, è stata tutto sommato una mattinata tranquilla. Quasi tutti hanno infatti colto l’occasione per una giornata di mare o per una visita ai parenti. Solo tre anziane signore, una di 99 anni, si sono recate al centro d’accoglienza allestito da Protezione Civile e Croce Rossa alla scuola elementare di via Primo Maggio. Aperto tra l’altro in ritardo visto che qualcuno si era dimenticato le chiavi. A condurre le operazioni di brillamento l’ottavo Reggimento Genio Guastatori “Folgore” di Legnago. L’ordigno, una bomba d’aereo inglese di 113 chili, è stato inserito in una cassa, posizionato in una buca di cinque metri e coperto di terra. Poi l’esplosione.

Altre notizie
di Simona Mulazzani
di Redazione
Il territorio porta le istanze

SS16 in stand by, un incontro al Ministero

di Redazione
Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
VIDEO
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna