mercoledì 17 luglio 2019
menu
In foto: Si è svolta oggi, nella Sala del Consiglio della Provincia di Rimini, la cerimonia di consegna del Certificato Enac alla Società Aeradria che gestisce l'aeroporto Internazionale "Federico Fellini" di Rimini.
di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 24 lug 2007 16:01 ~ ultimo agg. 30 nov 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

L’Enac é l’autorità italiana di regolazione tecnica, certificazione e vigilanza nel settore dell’aviazione civile.
“Un risultato impensabile solo qualche anno fa.” Su questo gli amministratori di Rimini e San Marino ed i partner privati di Aeradria sono tutti d’accordo. Il Fellini negli ultimi due anni ha incrementato notevolmente il numero di passeggeri, “ben oltre la media nazionale ed internazionale”, ha confermato il membro del Cda Enac (oggi a Rimini per la cerimonia) Pier Luigi Musghi. “Siamo passati – ha ricordato il presidente di Aeradria, Massimo Masini – da 240 mila ad una proiezione a fine anno di quasi 500 mila. Si tratta di numeri che l’aeroporto riminese non raggiungeva dagli anni ’70.” “Si tratta comunque di numeri inadeguati rispetto alle necessità e potenzialità della Riviera. L’obiettivo – ha proseguito Masini – è quello di arrivare nel giro di qualche anno ad un milione di passeggeri”.
A breve Aeradria incontrerà i vertici dell’aeronautica per discutere dell’ampliamento del piazzale e di alcuni spazi per attività merci e di aerostazione sul lato Riccione. Lavori che impongono la cessione di alcuni zone militari. Due poi le tappe nel breve futuro: mettere in cantiere nei prossimi tre anni gli interventi necessari per mantenere la certificazione e raggiungere la concessione totale dell’aeroporto dall’Enac (almeno per 30 anni), che consentirebbe di mettere in cantiere investimenti più consistenti.
Nei loro interventi il presidente della Provincia Ferdinando Fabbri, il sindaco di Rimini Alberto Ravaioli, il presidente della Camera di Commercio di Rimini Manlio Maggioli hanno sottolineato l’importanza strategica dell’aeroporto di Rimini che ha invertito, in questi ultimi due anni, il trend negativo in termini di voli presenti e passeggeri trasportati. Fabbri nel suo intervento ha anche aperto a possibili sinergie con il Ridolfi di Forlì. Niente concorrenza tra “due strutture – ha detto – che nel giro di pochi anni potrebbero, insieme, arrivare a due milioni di passeggeri”.

Altre notizie
di Andrea Polazzi
FOTO
di Andrea Polazzi
VIDEO
Notizie correlate
di Lucia Renati   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna