domenica 26 maggio 2019
In foto: Tentata concussione, falso materiale e soppressione di atti veri sono le imputazioni con cui il pm Luca Bertuzzi ha chiesto il rinvio a giudizio di un 47enne sovrintendente della Guardia di Finanza originario di Manfredonia e residente a Savignano.
di    
lettura: 1 minuto
mar 31 lug 2007 08:46 ~ ultimo agg. 30 nov 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

L’uomo all’epoca dei reati contestatigli era in servizio alla stazione navale di Rimini. Le accuse a carico del militare, ora in servizio in altra sede, si riferiscono a un accertamento fiscale in un’officina meccanica di Santarcangelo, nell’entroterra riminese, nel novembre del 2001. Comandato ad un’ispezione sulla normativa per lo smaltimento dei rifiuti, il finanziere – stando alla denuncia dell’artigiano – dopo aver preso in carico i libri contabili, avrebbe chiesto una somma di denaro per bloccare multe e due denunce penali. Secondo il titolare dell’officina, dopo aver “sentenziato” che l’artigiano “era messo male”, a rischio denuncia anche per reati riconducibili alla “ecomafia”, il finanziere si sarebbe congedato lanciando una frase tipo: “lei é una brava persona e io vorrei aiutarla, ma se le dicessi ‘X’ lei cosa mi risponderebbe?”. L’artigiano rispose con l’esposto- denuncia che diede il via alle indagini, conducendo a molti riscontri, uno dei quali accuserebbe in particolare il sovrintendente: sia il suo comando che il pm non sono riusciti a trovare tracce del verbale di acquisizione della contabilità dell’officina. Documentazione che – secondo l’accusa – il finanziere ha distrutto per contestare la denuncia dell’artigiano.(ANSA)

Notizie correlate
di Icaro Sport   
FOTO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna