domenica 16 giugno 2019
menu
In foto: Niente più alcol venduto a ragazzi già evidentemente ubriachi. Il sindaco di Rimini, ALberto Ravaioli, annuncia la linea dura contro chi vende alcolici in orario notturno, in particolare negozi:
di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 25 lug 2007 13:08 ~ ultimo agg. 30 nov 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

nei prossimi giorni la Polizia Municipale effettuerà controlli sulla vendita di superalcolici nei negozi rispetti rigorosamente i limiti imposti dalle leggi vigenti. La richiesta é stata rivolta anche al Questore.
E se non basterà, annuncia il sindaco, saranno presi provvedimenti strutturali con precisi divieti.

_________________________________________________

Pubblichiamo la lettera aperta del sindaco Ravaioli:

Recenti, drammatici episodi ma soprattutto i quotidiani rapporti di chi vigila quotidianamente sulla sicurezza rappresentano quello che è un problema sul quale non si può in alcun modo glissare: il consumo eccessivo di alcool. In tal senso è necessario monitorare attentamente quanto accade in Italia e a Rimini, sia riguardo le conseguenze prodotte sull’ordine pubblico sia rispetto alle cause (sociologiche?) alla base di questo preoccupante fenomeno.

Sono cronaca pressoché giornaliera gli episodi di violazione del Codice della Strada o atti violenti chiaramente dovuti all’abuso di bevande alcoliche. Si badi, qui non c’entra nulla il bicchiere di vino o di birra consumato ‘in amicizia’; no, qui siamo dalle parti di un uso stordente e alienante della bottiglia, soprattutto da parte delle generazioni più giovani. Gli ultimi dati nazionali purtroppo confermano questa inquietante piega: aumenta il consumo di alcool senza neanche più la giustificazione culturale (se tale si può definire) della ribellione per una causa. Emerge con brutale ma convincente chiarezza come lo sballo sia fine a se stesso, uno stupido ‘rito di passaggio’ nel nome di un egoismo che non si preoccupa minimamente dell’altro. C’è allora chi, ubriaco al volante, investe e uccide; c’è chi, ottenebrato nella mente e nel corpo, non esita neanche a far male a se stesso. Non si può rimanere passivi davanti a tutto questo. Interrogarci sulla scala dei valori costruita e comunicata negli ultimi dieci anni da questa società è il primo passo. Prendere provvedimenti di tutela e autotutela è quello successivo.

Rimini non rimane indifferente. Siamo la capitale della vacanza che- per definizione- è ciò che è diverso dal tran tran quotidiano. Ma questa diversità non può essere confusa con il ‘tutto è permesso’, ‘ogni cosa è lecita’, ‘fate ciò che volete’. Ci abbiamo messo anni- e ancora portiamo con noi alcune scorie- per liberarci da un luogo comune che ci voleva così, patria dello ‘sballo’ a prezzi modici. Con fatica, e grazie anche alla collaborazione del tessuto economico e sociale cittadino, siamo in parte riusciti a raddrizzare quel modello. Abbiamo anche subito critiche da chi- stringi stringi- sosteneva che in fondo persino lo ‘sballo’ procurava qualche punto in più al PIL locale.

Abbiamo allora il dovere di combattere questa battaglia, perché nel cosiddetto ‘patto tra generazioni’ non ci sono solo le pensioni ma anche costruire e difendere un quadro valoriale che sia garanzia degli uni e degli altri.

Ho chiesto dunque all’Assessore alla Polizia Municipale e al Comandante del Corpo di PM di controllare nei prossimi giorni che- specie nelle ore notturne- la vendita di superalcolici nei negozi rispetti rigorosamente i limiti imposti dalle leggi vigenti. Non si possono vendere bottiglie a ragazzi che sono già palesemente in preda ai fumi dell’alcool. Rivolgo cortesemente questa richiesta al Signor Questore, nel nome di quella preziosa collaborazione che sta portando a risultati tangibili su molti fronti della tutela dell’ordine pubblico.

Se questa attività non desse i frutti auspicati, dovrei in coscienza pensare di assumere provvedimenti strutturali che dispongano precisi divieti. Non è mai consolante procedere a colpi di divieto ma, davanti a fenomeni così gravi e compromettenti il futuro collettivo, non si può tentennare. Faccio molto affidamento sulla responsabilità individuale e sulla capacità di chi vende di guardare a quei giovani dall’altra parte del bancone come fossero i propri figli.

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
Ma senza disagio per il calore

L'estate tira dritto: ancora bel tempo

di Redazione
di Redazione
Notizie correlate
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna