mercoledì 16 gennaio 2019
In foto: La partita della nuova darsena di Bellaria si avvicina al momento decisivo. Nel Consiglio Comunale del 3 luglio sarà infatti votata la Delibera relativa all’Accordo di Programma:
di    
lettura: 2 minuti
mar 26 giu 2007 09:26 ~ ultimo agg. 30 nov 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

vale a dire la pianificazione urbanistica di tutta l’asta fluviale fino alla vecchia Statale.

In merito pubblichiamo un documento ricevuto dall’Amministrazione Comunale di Bellaria:

Questi, in sintesi, i contenuti più importanti di quell’Accordo, già sottoscritto dal Sindaco di Bellaria Igea Marina Gianni Scenna e dal Presidente della Provincia di Rimini Ferdinando Fabbri.
Innanzitutto si delinea il nuovo volto di Bellaria Igea Marina: la Città guarderà finalmente il porto canale ed il mare, anziché continuare a dar loro le spalle. E per una città turistico-balneare quale la nostra ciò costituisce, di per sé, una significativa novità.
Lo sviluppo urbanistico lungo il fiume Uso sarà a ‘ città giardino ’, con una presenza di verde privato e pubblico superiore ai normali standard e garantirà quindi una qualità della residenza e dell’utilizzo degli spazi pubblici molto alta.
L’indice edificatorio é quello già previsto nel Piano dei Servizi del 2004, e cioé lo 0,18, che é inferiore alla previsione del vecchio Piano Regolatore Generale del Porto risalente al 1992; ed é prevista una cessione a favore del Comune di standard urbanistici (verde, parcheggi e spazi pubblici) pari a circa il 52% dell’intera area posta lungo l’asta fluviale interessata dall’intervento edificatorio.
Il numero degli appartamenti che verranno realizzati sarà in ogni caso pari a 250 circa, perché la normativa dei singoli Piani Particolareggiati prevederà una metratura minima per ogni unità abitativa.
L’unico aumento ipotizzato é pari a 456 mq di edificazione (e cioé meno del 2% del totale edificabile), frutto dell’inserimento in quell’Accordo di due aree di proprietà del Comune; in cambio l’Amministrazione Comunale ha ottenuto la qualificazione di 8.000 mq. di Viale Pinzon per un costo di Euro 1.400.000,00, con una valorizzazione quindi di quell’incremento a vantaggio del pubblico di oltre Euro 3.000,00 al metro quadro.
Sono a completo carico dei privati che realizzeranno l’intervento, inoltre: il raddoppio della Scuola Ferrarin per 1.300 mq; la realizzazione del ponte ciclo-pedonale in prosecuzione di Via Torre; l’allargamento delle Vie Ferrarin e Ravenna e la realizzazione di 2 rotatorie lungo quelle strade; la costruzione di un nuovo ed ulteriore, rispetto all’ampliamento della Ferrarin, plesso scolastico nell’area di quella Scuola.
Notevoli ed indubbi i passi avanti fatti, quindi, nell’interesse della collettività rispetto a quando, con indici edificatori addirittura superiori a quello attualmente previsto nel Piano dei Servizi e senza alcuna contropartita a favore del pubblico, nei Bilanci comunali degli anni 1998 e 1999 era stata inserita una spesa da parte del Comune di 1 miliardo di lire per “ interventi per la darsena ”.
Peraltro, a dimostrazione dell’attenzione da sempre prestata all’ambiente e al territorio, nell’Accordo Programma é previsto che prima di dare esecuzione a quella pianificazione urbanistica dovranno essere redatti e approvati appositi studi di impatto ambientale in modo da verificare comparto per comparto la sostenibilità dei singoli interventi.

Altre notizie
di Redazione
di Andrea Polazzi
Notizie correlate
di Lamberto Abbati
VIDEO
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna