martedì 21 maggio 2019
In foto: La formazione del Delfino d'oro è impegnata ogni fine settimana in diverse parti d'Italia con i suoi atleti in gare d'atletica e triathlon - si legge in una nota del Golden Club Rimini -.
di    
lettura: 2 minuti
lun 18 giu 2007 18:05 ~ ultimo agg. 30 nov 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

In questo week end ha conquistato un titolo tricolore a Bressanone con Julaika Nicoletti ai Campionati Italiani Juniores nel getto del peso, una medaglia d’argento nel triathlon internazionale di Bardolino con Silvia Serafini negli age group S4 e un bronzo con Danilo Taranto nel triathlon Kids a San Giovanni in Persicelo.
A Cesena nella 35° Notturna di San Giovanni in linea si metteva in evidenza Daniele Greppi con una bella gara in progressione classificandosi 9° percorrendo gli 11 chilometri e 500 metri in 38’50”. Nel Circuito dei campioni di 10 chilometri, nonostante l’impegno profuso, nulla hanno potuto Andrea Pasquinelli e Roberto Brugè contro le antilopi d’Africa.

Ieri mattina Danilo Taranto e Matteo Ambrosini hanno disputato a San Giovanni in Persiceto un Triathlon valevole per il circuito TriKids Nord Est Cup al quale hanno preso parte circa 140 giovani. I cuccioli del Golden, entrambi di 9 anni si sono messi in luce. Danilo Taranto è salito sul podio chiudendo la sua prova in 6’32” mentre Matteo Ambrosini, al debutto nelle multidiscipline, ha ben figurato piazzandosi decimo in 7’03”.
Domenica la 36enne riminese Silvia Serafini ha conquistato un altro prestigioso risultato in campo internazionale conquistando la medaglia d’argento nella categoria S4 e classificandosi 19° assoluta su un lotto 140 donne nella 24° edizione del triathlon “Città di Bardolino”. La Golden girl si è sciroppata 1500 metri a nuoto, 40 chilometri in bicicletta e 10.000 metri di corsa in 2h 28′ 11″.
Ecco gli ottimi parziali stabiliti nelle tre frazioni da Silvia Serafini: nuoto 27’29”, ciclismo 1h 13’04”, e corsa 45’11”. Fra gli arrivati, tra gli oltre mille partenti, il Golden ha visto le buone prove di Piero Parente in netta crescita e di Enrica Carniglia che nonostante una forte contusione traumatica subita ad un piede nella settimana precedente alla gara è giunta al traguardo sofferente grazie alla sua grande caparbietà.

Altre notizie
di Andrea Turchini
Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione   
VIDEO
di Redazione   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna