martedì 18 giugno 2019
menu
In foto: Hanno segato durante la notte le sbarre delle finestre di un edificio adiacente, le hanno riposizionate, hanno atteso la pausa pranzo per risfilarle ed entrare in banca attraverso il cortile.
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
mar 8 mag 2007 19:10 ~ ultimo agg. 30 nov 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

In tre, travisati e armati, hanno sequestrato 13 dipendenti, li hanno chiusi nel caveau, con una
porta a cancello, e poi sono scappati con un bottino che dovrebbe essere attorno ai 30.000 euro. E’ successo all’Unicredit Banca di Piazza Tre Martiri, nel centro di Rimini. L’allarme è stato dato dai sistemi di protezione dell’istituto di credito, ma anche da alcuni parenti preoccupati per il mancato rientro a casa per il pranzo. Dall’esterno non si
notava nulla di anomalo, tanto che nemmeno al passaggio di una pattuglia di un istituto di vigilanza si era intuito cosa stava accadendo. L’arrivo delle Volanti della Questura ha chiarito invece che di rapina si trattava. Non c’é stata violenza ai dipendenti rinchiusi, solo un po’ scossi dall’esperienza. I banditi hanno arraffato il denaro contante trovato nella cassa e nel caveau, ma non hanno scassinato i bancomati né hanno atteso l’apertura a temporizzazione della cassaforte. (ANSA).

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna