domenica 20 gennaio 2019
In foto: La provincia di Forlì-Cesena ha presentato il rapporto di statistica turistica 2006. E dall'analisi sul lungo periodo, emerge un'inversione di tendenza che favorirebbe la costa cesenate a scapito di quella riminese.
di    
lettura: 1 minuto
mer 23 mag 2007 12:46 ~ ultimo agg. 30 nov 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

In provincia di Forlì-Cesena sono stati registrati oltre 916.000 arrivi e 5milioni 724mila presenze, con un aumento del 10 e del 6% rispetto al 2005.
Gran parte dei turisti continua a scegliere le località marine, che negli ultimi 10 anni hanno registrato una crescita piccola ma costante, e comunque più sostenuta della vicina costa riminese.
Un travaso che il rapporto attribuisce in gran parte alle scelte strategiche della provincia di Rimini, che negli ultimi 10 anni avrebbe investito 500 milioni di euro nel turismo fieristico e congressuale, e solo 20 in quello estivo. Così il turismo invernale ha ormai raggiunto il 20% delle presenze annuali, con la chiusura però di centinaia di alberghi.
Secondo Gilberto Zangari, docente di Economia dello sviluppo turistico all’Università di Bologna, ci sarebbe “un travaso di turisti tra Rimini e i centri balenari cesenati, come Cesenatico, San Maruo e Gatteo”, dove c’è “una migliore qualità della vita e un clima più disteso, che il turista gradisce più del clima frenetico della realtà riminese”.

Notizie correlate
di Simona Mulazzani
VIDEO
Le iniziative per don benzi

Una strada per don Oreste

di Redazione
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna