domenica 20 gennaio 2019
In foto: Si fa, non si fa: prima di ieri sera, ha tenuto banco, per la discussione sulle regole da porre. Oggi, si valuta la riuscita dell'atteso e controverso dibattito televisivo fra i leader dei due schieramenti in lizza per le politiche di aprile.
di    
lettura: 1 minuto
mer 15 mar 2006 13:31 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Prodi e Berlusconi si sono affrontati su domande piuttosto tecniche formulate dai due giornalisti scelti per il primo ’round’ di confronto, Marcello Sorgi, editorialista della Stampa e da Roberto Napoletano, direttore del Messaggero, con tempi di risposta scanditi dall’orologio, in un clima serrato ma senza colpi di scena. A presiedere il tavolo, fra i due ‘contendenti’, Clemente Mimun, più arbitro che giornalista. Il dibattito così regolamentato ha giovato alla chiarezza, per Giuseppe Chicchi, candidato alla Camera per l’Unione; che non trova più efficaci risse verbali più adatte ad alzare l’auditel che ad informare davero i cittadini. Chicchi valuta più capace di sintesi Prodi, che non ha mai sforato i tempi previsti, e che è stato più capace di parlare a tutti, non solo ai suoi sostenitori; troppo ossessionato dal dimostrare le cose realizzate con cifre, dati e numeri gli è invece apparso Berlusconi. Chicchi al microfono di Radio Icaro ha commentato: “un’insistenza sul lavoro svolto dal Governo che fa pensare che debba dimostrare qualcosa di cui lui stesso non è convinto”.
Per Giampaolo Bettamio, senatore e Sottosegretario agli Esteri, in cerca di riconferma per Forza Italia, il dibattito si è concluso sostanzialmente con un ‘pari’, ma la formula così rigida è stata poco efficace, ha penalizzato il dibattito e le doti di comunicatore di Berlusconi. Un round di rodaggio, insomma, quello di ieri, dove il grande assente è stato il futuro del Paese: un tema che, auspica Bettamio, dovrà essere affrontato nei prossimi appuntamenti. I due candidati cui abbiamo chiesto dia fare da giuria, concordano su un aspetto: il faccia a faccia televisivo non sposta voti, e non è efficace per modificare le convizioni degli indecisi. Piuttosto, rafforza l’opinione di chi è già convinto. Così, scherza Bettamio, “oggi i sostenitori di Prodi gridano vittoria, e quelli di Berlusconi anche”.

Altre notizie
di Redazione
di Redazione
di Redazione
VIDEO
Notizie correlate
di Simona Mulazzani
VIDEO
Le iniziative per don benzi

Una strada per don Oreste

di Redazione
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna