sabato 19 gennaio 2019
In foto: Difese Angelina, la nipote di 16 anni, dalla violenza di un capitano delle SS, che lo ferì prima al collo e poi, visto che non desisteva, lo uccise con un colpo di pistola al petto.
di    
lettura: 1 minuto
lun 6 mar 2006 13:53 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Così morì Lazzaro Sanchini, la notte del 29 agosto 1944, nella campagna di Montefiore, dove era rifugiato con la famiglia.
La storia è stata di recente raccontata al sindaco di Montefiore, Filippo Berselli, che, pur dopo tanto tempo, ha deciso che il gesto di questo nonno meritasse ‘ammirazione, riconoscenza e rispetto’ da parte di tutti, e con delibera della giunta comunale, ha chiesto al Presidente della Repubblica ‘Il Riconoscimento al merito civile’ per Lazzaro Sanchini. La Prefettura di Rimini ha espreso parere favorevole, e la delibera è stata inviata al Ministero dell’Interno che la trasmetterà al Presidente della Repubblica per la decisione finale.

Altre notizie
di Redazione
VIDEO
di Redazione
VIDEO
Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna