venerdì 18 gennaio 2019
In foto: In attesa della primavera, che da calendario dovrebbe arrivare martedì, torna la tradizionale usanza di salutare l'inverno alla viglia di San Giuseppe, bruciando le potature e non solo.
di    
lettura: 1 minuto
sab 18 mar 2006 11:48 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Le focheraccie, fogheraccie o focarine, a seconda del luogo, che un tempo erano per i contadini anche un modo per propiziare una buona annata per la raccolta, rimangono una tradizione attesa e sentita, sempre che a prevalere sia il buon senso. E allora Hera detta le regole per non combinare guai: usare solo legna da potatura, evitare accumuli vicino alle case, non bruciare rifiuti ingombranti o materiali nocivi come gomme di auto, sostanze trattate con vernici od olio. A monitorare la regolarità dei falò la polizia municipale e dello stato che, in caso di irregolarità farà rimuovere da Hera le cataste pericolose poste su suolo pubblico.
Dettate le regole, a partire dalla serata si accende la festa. Ed è ampia la possibilità di scelta a partire dal classico appuntamento alla spiaggia libera antistante piazzale Boschovich a Rimini, con tanto di mercatino sul lungomare dalle 17 e blocco del traffico dalle 16 alle 24. Nel Borgo San Giuliano sarà invece bruciata la strega, simbolo dell’inverno, e saranno distribuiti cioccolata calda, vin brulè e bruschetta. Accensione alle 20 invece per il falò organizzato da Casa Pomposa, allestito nell’omonima via. E poi tante altre fogheracce, piccole o grandi, di quartiere o parrocchiali con un’unica raccomandazione: non mandare in fumo la festa.

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
Mostra sulle ludopatie

Fate il vostro gioco

di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
Rimini Rimini Social

Torna presepi dal mondo

di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna