domenica 25 agosto 2019
menu
In foto: Anche se in ufficio gli piaceva mandare musica classica ad alto volume, e una volta si improvvisò pure direttore d'orchestra in piazza, anche se amava le sonorità raffinate di Norah Jones, Gianfranco Micucci era un personaggio rock.
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
gio 23 feb 2006 13:23 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

E non solo perché gli piaceva suonare la batteria, come fece in piazza Cavour a Rimini per il cd benefico “Per la pace. Contro la fame”.
Era rock perché se “rock” vuol dire “spezzare”, lui canoni e convenzioni li ha spesso spezzati, senza troppi compromessi o sfumature. Consapevole dei rischi che questo comportava.
Nei suoi 14 anni alla guida di Cattolica Micucci ha lasciato il segno. Segni visibili: le fontane, le rotatorie che hanno sostituito tutti i semafori, congedati con doveroso funerale, e la nuova Darsena, un’opera voluta da Micucci anche se lui all’inaugurazione, due mesi fa, non c’era. Ma ha lasciato soprattutto il segno della sua personalità unica: estroso, geniale, provocatorio e paradossale. E anche scomodo e discusso, come deve mettere in conto chi sceglie di farsi guidare solo da sé stesso. Ma per i cattolichini restava ancora il sindaco, anche se per legge aveva dovuto lasciare la carica dopo due mandati.
Micucci aveva sempre pronta la mossa a sorpresa, tanto da far nascere un neologismo,
“micucciate”, per le sue idee originali. Come quando inaugurò il parco Le Navi vestito da corsaro, quando si giocò un busto di Marx a biliardino con l’allora sindaco di Riccione Masini o quando, per inaugurare una piscina, sfidò il vicino di casa Valentino Rossi in una gara di pedalò.
Micucci era imprevedibile. E’ alla sua imprevedibilità purtroppo è stato coerente fino alla fine.

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
di Redazione   
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna