lunedì 21 gennaio 2019
In foto: Prosegue la rassegna di teatro dialettale al Massari di San Giovanni in Marignano. Sabato alle 21 la compagnia "La carovana" presenta "L'intrigh", scritto e diretto da Pier Paolo Gabrielli. La presentazione dello spettacolo: tre atti si svolgono in una cucina sgangherata dove la miseria è la cosa che più risalta agli occhi. Protagonista è una fasmiglia molto povera, con poca istruzione, con vestiario scadente rammendato con toppe e un camino sempre spento per mancanza di legna. Siamo negli anni 50, nell'immediato dopo guerra. Negli anni della ricostruzione, il lavoro di certo non mancava per chi ne aveva voglia, ma di soldi non ne circolavano. In questo scenario si muovo i protagonisti della commedia dialettale: Chech ad Cidurnel (padre di famiglia, vagabondo dall¹andamento lento e ricurvo), Lisa (la moglie, vera arzdora, dura, prepotente, scaltra, sempre scontenta), Gripina (la figlia brutta, lavoratrice timida e onesta), Mafalda (la figlia bella, scontrosa fannullona e chiacchierata), Laura (la cognata pettegola), Zvan (il cognato saputone e borioso), Bigin (venditore ambulante, orfano, selvaggio, straccione e ubriacone), L'avvocato, il Giudice, il Cancelliere, la Guardia. Sovente nella vita capita che per raggiungere certi scopi, ci si affidi a bugie, si studino tranelli, si allestiscano intrighi, creando un vortice di situazioni difficilmente controllabili. A volte il risultato è disastroso. A volte invece può essere soddisfacente, ma solo per fortuna. La morale vuole che nel bene o nel male la verità e l¹onestà premino sempre. Ingresso: Platea e 1° Loggione Centrale 8 Euro Loggioni 6 Euro Informazioni e prenotazioni: Teatro Massari, 0541 957656 - info@fratelliditaglia.com
di    
lettura: 1 minuto
gio 2 feb 2006 11:14 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Prosegue la rassegna di teatro dialettale al Massari di San Giovanni in Marignano. Sabato alle 21 la compagnia “La carovana” presenta “L’intrigh”, scritto e diretto da Pier Paolo Gabrielli.

La presentazione dello spettacolo:

tre atti si svolgono in una cucina sgangherata dove la miseria è la cosa che più risalta agli occhi. Protagonista è una fasmiglia molto povera, con poca istruzione, con vestiario scadente rammendato con toppe e un camino sempre spento per mancanza di legna.
Siamo negli anni 50, nell’immediato dopo guerra. Negli anni della ricostruzione, il lavoro di certo non mancava per chi ne aveva voglia, ma di soldi non ne circolavano.
In questo scenario si muovo i protagonisti della commedia dialettale: Chech ad Cidurnel (padre di famiglia, vagabondo dall¹andamento lento e ricurvo), Lisa (la moglie, vera arzdora, dura, prepotente, scaltra, sempre scontenta), Gripina (la figlia brutta, lavoratrice timida e onesta), Mafalda (la figlia bella, scontrosa fannullona e chiacchierata), Laura (la cognata pettegola), Zvan (il cognato saputone e borioso), Bigin (venditore ambulante, orfano, selvaggio, straccione e ubriacone), L’avvocato, il Giudice, il Cancelliere, la Guardia.
Sovente nella vita capita che per raggiungere certi scopi, ci si affidi a bugie, si studino tranelli, si allestiscano intrighi, creando un vortice di situazioni difficilmente controllabili.
A volte il risultato è disastroso. A volte invece può essere soddisfacente, ma solo per fortuna. La morale vuole che nel bene o nel male la verità e l¹onestà premino sempre.

Ingresso: Platea e 1° Loggione Centrale 8 Euro
Loggioni 6 Euro
Informazioni e prenotazioni: Teatro Massari, 0541 957656 – info@fratelliditaglia.com

Altre notizie
di Roberto Bonfantini
al servizio di quattro comuni

Inaugurato il nuovo sportello Hera

di Redazione
Notizie correlate
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna