giovedì 17 ottobre 2019
menu
Rimini Rimini Social

Il galateo dell'integrazione. Un manuale per immigrati e non solo

In foto: Un sudamericano al telefono ci mette un minuto e mezzo a salutare, quando un riminese ha già chiuso da un pezzo la conversazione.
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
dom 12 feb 2006 14:04 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Un ucraino in un negozio entra, guarda, e se non c’é quello che gli interessa esce senza salutare. Il nostro sudamericano, invece, saluta tutti dal primo all’ultimo. Per un riminese parlare guardando negli occhi è segno di franchezza, per un magrebino può essere invece un’invasione della propria intimità. L’integrazione passa allora anche e soprattutto dai gesti e dal quotidiano: a questo cerca di rispondere il “Piccolo galateo di gesti e modi di dire. Per immigrati in Romagna e qualche indigeno” a cura del “Medico filosofo”, come lo definì Zavoli, Sandro Piscaglia.
Piscaglia ha lavorato con rappresentanti di diverse etnie coordinati da Valeria Guagnelli, mediatrice culturale che ha le sue radici tra il Sudamerica e San Clemente. E proprio i mediatori culturali saranno i primi a ricevere copie del libro, stampato da Panozzo in duemila unità. Ci sono pagine bianche per gli appunti perché scopo dell’iniziativa è crescere fino a poter realizzare schede per ogni singola etnia.
Un libro scritto per non essere noioso, con un linguaggio semplice ma attento a evitare la fastidiosa elementarità di chi parla ancora agli immigrati usando gli infiniti. Anzi, qua e là si cita il forbito e gustoso stile da galateo: le signore, ad esempio, cerchino un artificio per non lasciare antiestetiche tracce di rossetto sul bicchiere.
Il ibrò sarà in vendita nelle librerie a 9 euro.

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna