sabato 19 gennaio 2019
In foto: Il primo iper non si scorda mai. Alla vigilia dell'apertura dei due nuove centri commerciali riminesi, le befane e il Malatesta, siamo tornati all'epoca in cui aprì il primo megastore nel nostro territorio.
di    
lettura: 2 minuti
dom 20 nov 2005 09:15 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Sembra ieri, e invece sono passati 13 anni da quando la Riviera ha conosciuto la parola Iper. Era il 21 ottobre del ’92 quando il Romagna Center a Savignano Mare aprì al pubblico. Il primo megastore del territorio era una novità, e proprio su questo puntava la campagna di lancio. “Dimensioni: non calcolabili”, si leggeva in una pubblicità che rifaceva il verso a uno sbarco degli alieni. Ed erano un fatto inaudito le stesse dimensioni della campagna promozionale: l’edizione riminese del Resto del Carlino del 21 ottobre, su 10 pagine, ne aveva 5 intere di pubblicità dell’Iper.
Ma le ripercussioni del nuovo colosso sul medio e piccolo commercio erano chiare? Proprio il nuovo centro ne faceva un punto di forza: “Apre Media World, e tutti gli altri diventano piccoli”, oppure “Media World vi aspetta fuori dalla confusione e dal traffico della città”, intuendo quello che era il punto debole del commercio tradizionale: proprio nei giorni scorsi, i commercianti del centro storico di Rimini sono tornati a rivendicare di fronte all’amministrazione l’urgenza di parcheggi e accessi più agevoli. Allora questi aspetti si intuivano, anche se forse non in tutto il loro peso: dei tre quotidiani riminesi dell’epoca, solo Il Messaggero approfondì la questione, interpellando le categorie economiche dei capoluoghi romagnoli. Anche perché il successo dell’Iper sorprese oltre a quanto si immaginava: nel primo giorno, la ressa fu enorme. Lo raccontò, con ironia, l’inviato del Messaggero, che colse anche i particolari in cui il modo di vivere la spesa veniva rivoluzionato: le peregrinazioni tra parcheggi oceanici; i carrelli che, si leggeva, necessitavano di patente D; le borse da chiudere o consegnare quando si passava da un negozio all’altro, la famiglia che dentro si separava, ognuno nei suoi reparti di interesse. Il Romagna Center scrisse nuovi parametri. Puntava sulle dimensioni e sulla varietà, era il posto dove si andava per comprare un tv color e si poteva uscire coi biglietti per le Maldive. Oggi, anche i nuovi iper devono fare i conti con quei parametri: non basta più parlare solo di metri quadri, perciò bisogna puntare su altri fattori per conquistare il cliente. Cliente, che a sua volta è cresciuto ed è più smaliziato. Forse non si fa più sorprendere come all’inizio da quella scenografia, scriveva la Gazzetta di Rimini, “fatta apposta per non uscire a mani vuote”. Eppure al primo impatto con quei carrelli extralarge, in molti si sono chiesti come sarebbe mai stato possibile riempirli. E invece alla fine non bastavano.

Altre notizie
di Redazione
VIDEO
di Redazione
VIDEO
di Redazione
Notizie correlate
I numeri forniti dalla Regione

Sanità. Nel 2018 936 assunzioni in Romagna

di Redazione
La Giunta adotta il nuovo piano urbano

Mobilità sostenibile, ecco come cambia la città

di Redazione
di Andrea Polazzi
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna