lunedì 21 gennaio 2019
In foto: Dopo la caduta al PalaCattani di Faenza nel derby con l'Andrea Costa Imola, i Crabs tornano nella loro tana, dove finora hanno un lusinghiero 2/2. www.rbmontecatiniterme.it www.basketriminicrabs.it
di    
lettura: 3 minuti
sab 5 nov 2005 13:45 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
3 min
Print Friendly, PDF & Email

Avversario dei biancorossi l’Agricola Gloria Montecatini, che con una doppia operazione all’insegna dell’amarcord ha riportato dove avevano segnato i primi canestri della loro lunga carriera Andrea Niccolai e Mario Boni. “Supermario”, 42 anni, si è però procurato uno stiramento in precampionato. Finora il suo apporto è stato di 18 punti e 5 rimbalzi in 27 minuti. E alla vigilia della gara ancora non è detto che riesca a calcare il parquet del “105 Stadium”. L’ecografia a cui si è sottoposto venerdì non ha sciolto le riserve sulle sue condizioni fisiche, anche se lo staff medico toscano dichiara che l’atleta è vicino alla completa guarigione.
Quattro i punti conquistati finora dai termali, reduci da un pesante -20 interno con la Pepsi Caserta. Sulla panchina dei termali siede il 33enne Massimo Cancellieri, assistente di Calvani la passata stagione e al pari del tecnico della Coopsette, Paolo Rossi, con trascorsi nella femminile (ha guidato il San Raffaele in A2).
Il play titolare di Montecatini è Guido Meini, prodotto del vivaio rossoblu. Nato a Pescia 26 anni fa, Meini si ritaglia 26,8 minuti che sfrutta per segnare 4,6 punti (con percentuali migliorabili, soprattutto il 18,2% dall’arco) e smistare 2 assist. Negativo il saldo perse-recuperate (rispettivamente 2,8 e 1). L’alternativa in cabina di regia è il 34enne David Londero. Nato in Svizzera, con passaporto italiano, Londero ha girato l’Italia, vestendo tra le altre le canotte di Reggio Emilia e Verona. 5,2 punti con il 57,9% dalla media e 1,4 assist il suo fatturato in 18,6 minuti d’impiego.
In attesa del rientro di “Supermario” Boni, la prima opzione offensiva è la guardia-ala Andrea Niccolai, capitano dell’Agricola, che il 9 di questo mese soffierà su 37 candeline. Ha giocato in mezza Italia, conquistando una coppa Korac con la Virtus Roma e uno scudetto a Treviso. Per “Nick” anche due stagioni nella Liberas Forlì, conquistando una promozione in A1 proprio a spese di Rimini. Biella, Milano, Virtus Bologna, Scafati e Fabriano alcune tappe della sua carriera, oltre ovviamente a Montecatini, con la cui canotta esordì a soli 16 anni. Per lui, che a dispetto degli anni passa domenicalmente sul parquet 37,6 minuti, 18,6 punti in media con un eccellente 43,2% dal perimetro, e 2,6 assist. Mandarlo in lunetta può rivelarsi letale (18/21 finora). La sua unica concessione all’avanzare degli anni le 4,4 perse.
In quintetto in queste prime giornate è finito anche Gabriele Niccolai, fratello minore di Andrea e vero e proprio trascinatore, oltre che capitano, di Montecatini nell’anno della promozione in Legadue (era il torneo 2002/’03). Guardia di 192 centimetri, classe ’72, Niccolai II, di ritorno dopo l’anno trascorso a Riva del Garda, in B d’Eccellenza, si è ritagliato finora 31,8 minuti. 8,8 punti con un desolante 1/10 da due a cui fa da contraltare un ottimo 41,9% da tre il suo contributo alla causa.
Ha giocato appena due minuti, segnando 3 punti, il 17enne Nicola Natali, guardia di 1 metro e 98 figlio di Gino, indimenticato giocatore e general manager dell’Agricola, ora all’Armani Jeans Milano. Natali junior ha debuttato in Legadue l’anno scorso a Capo d’Orlando.
Il quattro titolare è lo statunitense Jerod Ward. Il 2.04 di Jackson può giocare anche da tre. Lo testimonia il 52,9% con cui si esprime non solo da due, ma anche dal perimetro. Le sue statistiche parlano di 18,2 punti e 6,2 carambole. Migliorabile il 62,5% ai liberi e limitabili le 4,6 perse. Poco più di un quarto d’ora a disposizione di un altro prodotto del vivaio: Diego Banti, ala-pivot di 201 centimetri che ha appena compiuto 22 anni. Nel 2000 ha vinto uno scudetto con la Juniores. L’ex Livorno imbuca 5,5 punti con il 60% dal campo.
Pochi scampoli di gara per Georgi Joseph. Alto 198 centimetri, il quasi 23enne francese di passaporto finlandese finora è andato a referto con 4 punti totali in 23 minuti (5,8 in media). Solo un minuto in campo per il 2.01 classe ’88 palermitano Dario Dragna.
Il pivot è il 29enne americano Antonio Smith, l’aspira-rimbalzi per eccellenza della Legadue. Uscito dal college del Michigan nel ’99, dopo quattro anni di CBA il 2.03 di Flynt è approdato in Italia. Fabriano e Novara le tappe precedenti a Montecatini. Quest’anno viaggia a 14,4 punti con il 54% dalla media ed il 50% dalla lunetta (a Novara faceva addirittura peggio) e ben 16,6 rimbalzi in 33,6 minuti.

Un’assenza pesante in casa Crabs. Non ci sarà Peter Guarasci, partito ieri mattina per Toronto, in Canada, per problemi familiari. Rientrerà solo a metà della prossima settimana. Leggera distorsione alla caviglia per Wojciech Baricz. Nessun problema invece per Odaerty Blankson. La risonanza magnetica al ginocchio destro a cui si è sottoposto l’americano della Coopsette ha rivelato solo uno stato infiammatorio.

La partita Coopsette Rimini-Agricola Gloria Montecatini sarà trasmessa in diretta su radio Icaro. Palla a due alle 18,15 di domani.

Altre notizie
di Icaro Sport
di Icaro Sport
Notizie correlate
di Roberto Bonfantini
VIDEO
di Roberto Bonfantini
FOTO
di Roberto Bonfantini
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna