mercoledì 23 gennaio 2019
In foto: Dopo la 'Notte dei senza dimora' di sabato, il capogruppo provinciale di Forza Italia Giuliano Giulianini invia all'assessore alle politiche sociali del Comune di Rimini Stefano Vitali, che ha preso parte alla manifestazione, una lettera aperta sul tema del disagio sociale:
di    
lettura: 2 minuti
lun 24 ott 2005 19:16 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

Lettera aperta all’ Assessore Vitali

La notte dei “senza dimora” è stata fatta.
E adesso?
Assessore Vitali, se Don Oreste conosce, condividere e passa la notte all’ addiaccio a fianco dei senza tetto, (che trascorrono tutte le notti dell’ anno in simili condizioni) è usa questa manifestazione come strumento per denunciare una sofferenza, un disagio, uno stato di vita da migliorare, è comprensibile ed encomiabile.
Ma per Lei è invece, nella sua Veste di Assessore del Comune capoluogo, una denuncia pubblica di inefficienza, insufficienza di scelte amministrative appropriate e quindi, di incapacità politica, nel non cercare (o non ne è stato capace) in tutti questi anni che ha governato i servizi sociali, una risposta accettabile a questo problema sociale che anche Lei, con la Sua presenza, ha denunciato.
Non basta condividere per una sera, i problemi di chi soffre: a Lei competono le scelte e le risposte politiche più appropriate, ai problemi sociali, e sono tanti, ancora aperti nel nostro Comune.
Nello specifico se la “mancata dimora” fosse una scelta personale di vita, nulla da ridire;
se invece fosse una “non scelta”, ma una costrizione dovuta a problemi sociali, credo che gli Enti locali, Comuni, (almeno quello del capoluogo) e la Provincia da un lato, e le Associazioni di volontariato e le Cooperative sociali, dall’ altro, possano trovare, insieme, le soluzioni abitative e la gestione di strutture ed interventi sociali, nuovi ed efficaci, che possano definire e costruire percorsi diversificati e personalizzati, di recupero ed integrazione di chi si trova in quel tipo di disagio sociale.
Purtroppo, Assessore Vitali, questi problemi non si risolvono con le manifestazioni (che possono servire per denunciare o porre all’ attenzione un problema, ma null’ altro) ma con le soluzioni e le scelte amministrative che Lei, e l’ Amministrazione Comunale alla quale appartiene, ancora non ha operato a sufficienza.
Le chiedo (e Le assicuro che non è strumentale ma vuole solo indicare un percorso già noto): con tutti i motori immobiliari e gli altri strumenti urbanistici, che avete attivato nel territorio del Comune di Rimini, è mai possibile che oltre al nuovo Stadio, tra l’ altro urgente, non fosse stato possibile includervi anche strutture abitative specifiche, da definire nella loro tipologia e gestione, tali da costituire una risposta alle attese di chi vive questi problemi sociali?
Mi auguro che il dormire all’ aperto Le abbia fatto bene ed abbia capito che questi problemi vanno affrontati non solo in termini caritatevoli, peraltro importanti, ma anche con scelte amministrative appropriate e lungimiranti da parte di chi, cioè Lei, ha il dovere di amministrare la “cosa pubblica” e non può limitarsi alla sola denuncia dei problemi.
Gruppo F.I. Provincia di Rimini
Il Capogruppo Giuliano Giulianini

Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna