martedì 18 dicembre 2018
In foto: In una palestra ricolma di gente, si è consumato sabato sera l'esordio casalingo nel campionato nazionale di B1 per la Dolciaria Rovelli Morciano.
di    
lettura: 2 minuti
lun 24 ott 2005 16:32 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

I timori della vigilia per il debutto davanti ai propri tifosi contro il forte Oderzo sono svaniti dopo quasi due ore di gioco. I trevigiani, formazione che a ragione può essere considerata una delle più forti del girone, hanno dovuto pagare il dazio del piccolo impianto morcianese. La presenza “fisica” di oltre 300 spettatori, addossati sul campo di gioco, problemi di condensa iniziali del terreno, uniti ad una prestazione davvero di carattere di Nesti e c. hanno costretto i veneti a tornare a casa senza alcun punto, forse, a giudicare dal nervosismo manifestato, risultato non preventivato all’inizio. I biancazzurri hanno sciorinato un gioco ancora non
completamente spettacolare, ma farcito di sapienza tattica, leggi battute, e grandissimo cuore. Hanno dovuto sopperire alle assenze di
Pascucci (stiramento ad una spalla) e Nesti, con Salgado ancora a mezzo servizio e uno stoico Pietrelli, decisivo nel trascinare alla vittoria i compagni nel finale, ancora con i postumi dell’infortunio di Forlì alla schiena.
L’Oderzo si è sciolto via via, non credendo forse di trovare tanta resistenza in casa di una neopromossa. Il primo set ha visto i veneti quasi sempre in vantaggio, ma Pesaresi e soci non si facevano distanziare, effettuando nel
finale di set il sorpasso decisivo. Nel secondo set grandi bordate,soprattutto in battuta, dei trevigiani, che si portavano in parità di set in poco tempo, con la Dolciaria Rovelli davvero in grosse difficoltà. Sull’uno pari ci si aspettava l’allungo decisivo dell’Oderzo ed invece sono venuti fuori i padroni di casa, dominatori della prima parte del terzo set. Ma i veneti recuperavano punto dopo punto, finendo per cedere, in un emozionante finale di set, per 28 a 26. A quel punto la partita non ha avuto
più storia, in scioltezza la Rovelli ha chiuso la partita senza più penare più del lecito. Sugli scudi il reparto schiacciatori con Romani, Ciandrini e Pietrelli implacabili, ma tutta la squadra ha dimostrato di credere nei propri mezzi, anche al cospetto di una “grande” del campionato. Ed ora a Treviso.

Dolciaria Rovelli Morciano-Lae Oderzo 3-1 (25-22/ 16-25/ 28-26/ 25-21).

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
Una vicenda che fa discutere

Arresti alla casa per anziani. I commenti

di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna