lunedì 23 settembre 2019
menu
In foto: Oggi si è svolto a Roma l’incontro convocato dal Ministero delle Politiche Agricole sul tema del riconoscimento del marchio IGP alla piadina romagnola. La decisione é stata rinviata, mentre i produttori di piadina della CNA di Rimini hanno rinnovato la loro contrarietà alla proposta di un marchio riminese separato da quello romagnolo:
di    
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
mer 27 ott 2004 18:01 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

La motivazione arriva da una nota firmata da Luigi Bravi, Presidente dell’Associazione per la valorizzazione della Piadina Romagnola IGP, e Ubaldo Micheloni, Presidente Consorzio Produttori Piadina fresca della Provincia di Rimini.

La richiesta di marchi differenti per la piadina romagnola e per quella “riminese” – si legge – non ha trovato il nostro consenso, in quanto a nostro giudizio priva di fondamento giuridico sulla base delle norme comunitarie.
Si verrebbe infatti a determinare una sovrapposizione di territori, in contrasto con quanto richiesto in sede UE.

Ma anche se tale doppia tutela fosse possibile, le imprese rimarrebbero prive di certezze, in quanto a tutte le imprese romagnole sarebbe consentito di produrre la piada “riminese”, e viceversa.

Il consumatore italiano ed estero – che ovviamente conosce una sola piadina romagnola, sarebbe indotto alla confusione, mentre sarebbero certi i gravi danni per tutte le imprese del settore costrette a rivedere la propria politica di commercializzazione, impostata anch’essa, da sempre e da tutti, sul nome “piadina romagnola”.

La posizione dei produttori della CNA rimane ferma, in attesa di nuovi sviluppi.

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna