venerdì 24 maggio 2019
In foto: Piccolo colpo di scena. Il nuovo presidente del Basket Rimini Crabs è Luciano Capicchioni. L'annuncio è stato dato questa mattina in un incontro con la stampa al Ristorante Giorgini di Rimini.
www.basketriminicrabs.it
di    
lettura: 2 minuti
gio 21 ott 2004 20:00 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

“La scelta è ricaduta sul numero uno della Interperformances – ha spiegato l’avvocato Quirino Mancini, rappresentante legale della International Sport Promotion di Londra, il gruppo che poco più di due anni fa ha acquistato il pacchetto di maggioranza del Rimini Basket s.r.l. – perché con le dimissioni di Adriano Braschi si era aperto un vuoto da colmare e perché è stato lui a portarci a Rimini e adesso deve mettersi al centro di questo progetto per coagulare maggiore interesse rispetto a quello espresso finora dall’imprenditoria locale.
Crediamo sia la scelta giusta anche perché Luciano è un profondo conoscitore del basket, nel quale opera da trent’anni, ricoprendo anche cariche istituzionali importanti, e perché ha dimostrato di essere un imprenditore capace”.
Nato a Rimini il 14 luglio del ’46, Luciano Capicchioni nel ’68 è stato il fondatore e primo presidente della Federazione Sammarinese Pallacanestro, l’anno successivo ha fondato la Federazione Sammarinese Baseball. Dal ’79 all’84 è stato vice Presidente del Comitato Olimpico Sammarinese e nel 2002 è stato eletto Presidente dell’Associazione Procuratori Basket d’Italia.
“Sono stati due anni che hanno avuto un trend positivo in termini di piazzamento finale della nostra squadra – ha aggiunto Mancini -. E’ vero, avevamo parlato di A1, ma avevamo anche aggiunto che ciò si sarebbe potuto verificare con l’avvento di un nuovo azionista. E purtroppo dobbiamo registrare che continua ad esserci una certa freddezza da parte dell’imprenditoria locale.
Con la scelta di Luciano Capicchioni presidente vogliamo dare alla città un segnale di rinnovato interesse verso la società Basket Rimini Crabs”.
Secondo il neopresidente si può parlare di un quintetto ideale, formato dal miglioramento della struttura societaria, dai rapporti con l’imprenditoria locale e con l’amministrazione comunale, dal pubblico (“ho già visto dei miglioramenti, abbiamo avuto un incremento del 20% nel numero dei tesserati” ha detto Capicchioni in merito) e dalla proprietà, che deve essere potenziata.
“Non siamo qui per fallire, ma per dare continuità. Voglio controllare personalmente la situazione per un periodo di tempo e consegnare poi la presidenza a una persona che possa portare avanti il progetto per anni. C’è stato un momento in cui il mio non apparire creava confusione circa le nostre intenzioni. E’ un segnale: siamo qui per rimanerci”.
Ancora nessuna novità relativamente allo sponsor principale che potrebbe comparire sulle canotte dei “granchi”.

Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna