martedì 22 gennaio 2019
In foto: Simona Pari è a Rimini, è arrivata poco dopo le 4 di questa mattina da Roma, dove era atterrata ieri sera intorno alle 23. Ieri la liberazione, dopo tre settimane in ostaggio nelle mani dei rapitori:
di    
lettura: 1 minuto
mer 29 set 2004 09:34 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

l’immediato trasferimento in aereo prima in Kuwait e poi a Ciampino, a Roma, insieme a Simona Torretta e accompagnate al commissario straordinario della Croce Rossa, Maurizio Scelli, che le aveva accolte ancora incappucciate al momento della librazione, alle 19, ora di Baghdad, le 17 italiane.
Prima di rientrare a Rimini, accompagnata dai genitori e dal fratello, che erano a Ciampino ad attenderla, Simona Pari è stata ascoltata dal magistrato Pietro Saviotti. La Procura di Roma ha secretato i verbali di interrogatorio di Simona Pari, Simona Torretta, Maurizio Scelli e del dottore iracheno Navar.

Dopo l’interrogatorio, incontrando i giornalisti, Simona ha dichiarato di sentirsi bene.
Lei e Simona Torretta sono state sempre tenute insieme, nei giorni del sequestro; i sequestratori le trattate con rispetto, e addirittura hanno loro donato dolci.
Simona Pari e i suoi familiari sono stati accompagnati da ufficiali del Ros all’aeroporto di Ciampino e sono atterrati con un aereo militare a Bologna.

Altre notizie
di Roberto Bonfantini
Notizie correlate
di Silvia Sanchini
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna