venerdì 18 gennaio 2019
In foto: Anche la Cgil di Rimini e la Casa delle Donne esprimono solidarietà alle famiglie di Simona Pari e Simona Torretta:
di    
lettura: 1 minuto
mer 8 set 2004 13:26 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

La Cgil, in una nota della segreteria, si dichiara vicina alle famiglie delle ragazze rapite e chiede che non venga lasciato nulla di intentato per la loro liberazione. La Cgil ribadisce anche l’invito a non partecipare ai festeggiamenti per il 60esimo anniversario della liberazione di Rimini (previsti per il 17, 18 e 19 settembre).

La Casa delle Donne del Comune di Rimini esprime indignazione per il rapimento delle due ragazze italiane, la riminese Simona Pari e la romana Simona Torretta, sequestrate nel pomeriggio di martedì 7 settembre a Baghdad.
Due giovani donne coraggiose impegnate in prima linea per la pace, che attraverso l’Ong “Un Ponte per Baghdad” sostengono progetti di cooperazione e sviluppo sia nella capitale irachena che in altre città come Bassora, colpite da due guerre e da un embargo decennale.
Manifestiamo solidarietà alle famiglie e offriamo sostegno affinché con qualunque azione possibile si possa giungere al più presto alla liberazione delle due pacifiste italiane.

Altre notizie
di Redazione
Notizie correlate
di Simona Mulazzani
VIDEO
Le iniziative per don benzi

Una strada per don Oreste

di Redazione
VIDEO
di Maurizio Ceccarini
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna