venerdì 18 gennaio 2019
In foto: Il sindaco di Rimini Alberto Ravaioli ha fatto visita domenica sera ai familiari di Simona Pari per portare la solidarietà del Comune dopo il nuovo ultimatum, quello che minaccia l'uccisione delle due donne se non saranno immediatamente ritirate le truppe italiane dall'Iraq.
di    
lettura: 1 minuto
lun 13 set 2004 08:28 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

A casa Pari, Ravaioli ha incontrato anche Mohamed
Nour Dachan, il presidente dell’Unione delle comunità islamiche
in Italia, che gli ha consegnato lo striscione in arabo, riportante la
scritta “Liberate le due Simone”, utilizzato sabato sera ad
Ancona in una delle fiaccolate promosse in tutta Italia dall’Ucoii.
”Il sindaco Ravaioli – ha reso noto Fabrizio Bronzetti
dell’ufficio stampa del Comune – ha assicurato che lo striscione
sarà appeso all’esterno di un palazzo pubblico cittadino. Tra
martedì e mercoledì poi saranno messe a punto altre iniziative
di sostegno per la liberazione delle due italiane, ma non si
tratterà di marce e fiaccolate. Il presidente delle comunità
islamiche in Italia ha detto al sindaco che il governo deve
fare di più in questo momento delicato del sequestro di Simona
Pari e Simona Torretta”.

Altre notizie
di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna