giovedì 24 gennaio 2019
In foto: Un po' agenti, un po' balie per gli anziani soli. 6 poliziotti della Questura di Rimini sono impiegati da un anno e mezzo in un'attività di prossimità ed ascolto di turisti e cittadini, che hanno imparato ormai a chiamarli con il nome di battesimo.
di    
lettura: 1 minuto
ven 20 ago 2004 12:56 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Il poliziotto di quartiere, incarna dunque lo slogan che la polizia di Stato ha fatto suo per festeggiare il 152esimo compleanno: ‘vicini alla gente’. Rita Mariani è dirigente dell’ufficio prevenzione generale della Questura di Rimini.

Il loro compito è quindi quello di rafforzare il rapporto di fiducia e di collaborazione tra forze dell’ordine e cittadini: gli agenti impegnati in questo servizio a Rimini sono 6, e si dividono insieme al carabiniere di quartiere le tre grosse fette in cui la città è stata divisa. Il questore Cesare Palermi li ha definiti ‘le antenne dell’attività della polizia’, visto che il lavoro degli uffici di corso d’Augusto beneficia della loro presenza costante. Ascoltiamo Rita Mariani.

Ma quali sono le difficoltà e le emergenze che ogni giorno si trovano ad affrontare per le via della città? L’accattonaggio continua ad essere un problema, come anche le truffe in casa agli anziani. Proprio per garantire la sicurezza alla fascia più debole della popolazione è stato avviato un progetto specifico che ha trasformato il poliziotto da severo tutore dell’ordine a confidente: perché al di là delle truffe, dei furti, della stessa somma di segnalazioni che vengono inoltrate alla coppia in servizio tra turisti e cittadini, una semplice visita di pochi minuti può dare sicurezza e regalare il sorriso a chi non ha più nessuno.

Altre notizie
Carreggiata SS16 ristretta

Rotatoria Valentini, parte il cantiere

di Redazione
Incontro con Flaviano Zandonai

Innovazione sociale e impresa

di Redazione
Notizie correlate
di Redazione
di Redazione
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna