lunedì 21 gennaio 2019
In foto: Sarà il giardino di Villa Lodi Fè a Riccione, a fare da scenografia naturale alla rassegna “Comici in villa” che si ispira alle commedia dell'arte, antenata della comicità tipicamente italiana, scanzonata e popolare.
www.comune.riccione.rn.it
di    
lettura: 1 minuto
ven 20 ago 2004 11:54 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

L’idea è ispirata alla villeggiatura del settecento, quando i signorotti, dopo gli ozi delle giornate vacanziere, scesa la notte, si gustavano i loro lussureggianti giardini invitando per farli sorridere comici e saltimbanchi.
Giorgia Penzo della compagnia teatrale Maan è direttrice artistica della rassegna.

A strappare risate non di nobili, ma del pubblico sarà domani e il 22, alle 21, l’inedito e quanto mai riuscito duo: Francesca Airaudo, riccionese doc e Bob Messini, bolognese prestato alla riviera. Due serate, il 23 e il 25, anche per la navigata coppia Alessia Canducci e Giovanni Casadei con letture recitate tratte dal felliniano “Il padrone sono me” del bellariese Panzini e “Il fuoco nel piatto”, assaggi di seduzione a tavola. Il 24 la compagnia del Vicolo Corto presenta Dramlot, sguardo grottesco sulla deformante realtà, il 26 saranno in scena le maschere veneziane della compagnia Pantakin ne “Il principe moro”. La chiusura è affidata a Smascherata di Maan-ricerca e teatro con Giorgia Penzo; (un po’ di musica) un Arlecchino apprendista comico è lo spunto per raccontare per narrare le mille forme del teatro d’oggi. Vi proponiamo un piccolo assaggio della comicità in villa.

20.08 comici

Notizie correlate
di Redazione
VIDEO
di Andrea Polazzi
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna