mercoledì 23 gennaio 2019
In foto: La finestra… sugli odori di fritto e sul rumore del ventilatore provenienti dal vicino ristorante cinese. Con l’apertura del Fung Shuo, in via Marecchiese, con la cucina a neppure 6 metri di distanza dalla sua, la vita della signora Nives Alvisi è cambiata:
di    
lettura: 1 minuto
ven 16 lug 2004 13:05 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

e lei ha deciso di attuare una protesta pubblica con tanto di cartello al collo “Non ne possiamo più, tre anni di puzza”. Da qualche giorno staziona davanti al Comune in piazza Cavour a Rimini, per chiedere che le emissioni vengano controllate rigorosamente;
cosa peraltro già fatta in passato, precisa una nota del Comune, spiegando che su segnalazione della signora Alvisi sin dall’apertura del ristorante senza i necessari permessi nel 2001, sono stati già disposti decine di controlli che hanno portato anche alla chiusura temporanea del locale. Anche il Sindaco, racconta la signora Alvisi, fece un sopralluogo nel 2002 per verificare di persona la situazione.
In un primo tempo, infatti, mancava al ristorante un adeguato impianto di aerazione. Quello che è stata installato, è però risultato troppo rumoroso e sforava i decibel previsti per legge; ai titolari è stato ordinato di sanare la situazione ancora una volta.
Il Comune ha disposto nei giorni scorsi che vengano effettuati ulteriori controlli, che saranno attuati da Ausl per gli odori e da Arpa per i rumori.

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna