sabato 19 gennaio 2019
In foto: Obiezione fiscale contro gli aumenti del demanio: lo hanno deciso i 15mila imprenditori balneari dei sindacati SIB, Fipe, Faita-Confcommercio, FIBA Confesercenti, Oasi COnfartigianato e Legacoop.
di    
lettura: 2 minuti
mer 5 nov 2003 16:45 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
2 min
Print Friendly, PDF & Email

L’aumento del 300% del demanio previsto dalla Finanziaria, ribadisce una nota della Confartigianato di Rimini, costringerebbe gli operatori a rivalersi sulle tariffe per i turisti, il che significa – si legge – la fine del turismo balneare. Il documento unitario sarà presentato domani a Roma. Nel pomeriggio Giorgio Mussoni, presidente di Oasi Confartigiananto di Rimini, incontrerà al Senato i parlamentari delle Commissioni Turismo e Attività produttive.
Oggi intanto una delegazione in rappresentanza di Provincia e Comune di Rimini, formata dall’Assessore Provinciale al Turismo Massimo Gottifredi e dall’Assessore Comunale al Demanio Sandro Baschetti, ha partecipato, insieme ai Pubblici Amministratori rappresentanti di Abruzzo, Marche, Emilia Romagna, Friuli, Molise e Puglia, a una riunione dell’Anci Abruzzo svoltasi presso il Comune di Pescara sul tema delle previsioni della Finanziaria 2004 in materia di aumento dei canoni demaniali marittimi.

Al termine dell’incontro è stata redatta, in vista dell’incontro parlamentare a Roma previsto per domani, una lettera inviata a tutti i Capigruppo della Camera dei Deputati, in cui si chiede al Governo di sopprimere l’aumento del canone.

il testo della lettera:

Gli Amministratori Comunali e Provinciali della fascia costiera adriatica dell’Abruzzo, delle Marche, dell’Emilia Romagna, del Friuli, del Molise e della Puglia, riuniti il 5 novembre presso il Comune di Pescara da ANCI Abruzzo, hanno esaminato con preoccupazione la previsione della Finanziaria 2004 di aumento del 300% dei canoni demaniali marittimi sin dal 1° gennaio 2004.

Per gli effetti certamente pesantissimi ed insopportabili che ne deriveranno per le economie turistiche del Paese, i Comuni del Mare Adriatico

CHIEDONO

Ai Gruppi Parlamentari della Camera di introdurre, sin da domani 6 novembre 2003, misure di soppressione dei commi 21-22-23 dell’art. 32 Decreto Legge 24/10/2003 n°269/03, convinti, fra l’altro, che le stesse previsioni di aumento dei canoni risulteranno inefficaci in termini di Cassa per lo Stato, per gli effetti depressivi generalizzati che si produrranno.

I Comuni della fascia adriatica si dichiarano, nel convegno, pronti ad aprire un tavolo di confronto con il Governo per esaminare e risolvere tutti i problemi conseguenti alla gestione dei Piani di Demanio Marittimo: ripascimento, erosione, manutenzioni, compatibilità ambientale ecc., a cominciare dai pesanti problemi economico- finanziari.

Altre notizie
di Redazione
VIDEO
di Redazione
VIDEO
di Redazione
Notizie correlate
I numeri forniti dalla Regione

Sanità. Nel 2018 936 assunzioni in Romagna

di Redazione
La Giunta adotta il nuovo piano urbano

Mobilità sostenibile, ecco come cambia la città

di Redazione
di Andrea Polazzi
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna