giovedì 24 gennaio 2019
In foto: Calcio. Al Rimini il derby di Romagna, che mancava da 22 anni. I biancorossi tornano ad imporsi sul Cesena in campionato al Romeo Neri dopo ben 39 anni (l’ultima vittoria risaliva all’aprile del ’64).
www.riminicalcio.com
di    
lettura: 1 minuto
dom 2 nov 2003 16:21 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Decide un gol del più anziano in campo, il 33enne Rachini, la cui capocciata vincente arriva al 46’, scherzi dell’anagrafe due minuti dopo un errore clamoroso del più giovane, il cesenate Pozzi, di 17 anni, che in tuffo di testa non riesce a capitalizzare un cross al bacio di Tedoldi.
Il tecnico bianconero Castori deve fare a meno degli infortunati Chiaretti e Peccarisi e degli squalificati Ambrogioni, Pestrin e Confalone. Recupera Tedoldi, schierato da terzino destro, e si affida ai giovani. Mister Acori conferma Aldegani tra i pali, propone l’ex cesenate Bravo sulla fascia sinistra, inserisce Rachini al posto di Bordacconi e Docente al posto di Di Nicola.
E inverte le posizioni di Tasso e Di Giulio, facendo giocare il primo davanti alla linea difensiva ed il secondo qualche passo avanti. La mossa si rivelerà decisiva ed il cross per il gol-partita arriverà proprio dai piedi del playmaker brindisino.
Al 3’ della ripresa il Cesena chiede un rigore per fallo di Tasso su Piccoli. Nella mischia Bravo si aggrappa alla maglia di Bocchini fino a spogliarlo.
Due minuti dopo Docente, lanciato a rete, viene fermato per fuorigioco. I bianconeri continuano a spingere, ma la difesa del Rimini non lascia varchi. Finisce 1-0. A festeggiare sono i tifosi biancorossi.
Una vittoria, oltre che prestigiosa, importante anche per la classifica: il Rimini sale a 12, lasciando i bassifondi, il Cesena resta a 16.
La soddisfazione del tecnico del Rimini Leonardo Acori.

Altre notizie
di Icaro Sport