17 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Il premio per il Teatro ‘genera’ una rassegna invernale

Riccione

26 ottobre 2003, 10:05

in foto: Dal 28 novembre 2003 al 19 aprile Riccione Teatro - associazione di promozione del teatro contemporaneo - organizza, per la prima volta dalla costituzione dello storico Premio Riccione per il Teatro, una rassegna di spettacoli di autori vincitori (o segnalati) alle ultime edizioni del Premio Riccione o del Premio Tondelli.
www.riccioneteatro.it

La rassegna si intitola “La stagione del Premio” ed è completamente dedicata
al teatro scritto in questi anni, mosso dalla temperie contemporanea.
La
rinascita della scrittura per il teatro, l’affacciarsi sulle scene di nuovi
(spesso giovani) autori che caratterizzano questa fase del teatro italiano – spiegano gli organizzatori –
sono dovuti anche alla pluridecennale attività del Premio,
rilanciata vent’anni fa, nel 1983, dalla collaborazione con Franco Quadri.

Da Enzo Moscato ad Antonio Tarantino per il Premio Riccione, da Fausto
Paravidino a Letizia Russo per il Premio Tondelli, sono molti gli autori che
a Riccione hanno conosciuto una svolta decisiva per l’affermazione della
propria vocazione teatrale.

“La stagione del Premio” si propone di presentare al pubblico di Riccione
(sala Teatro del Mare) e Cattolica (Teatro della Regina, Salone Snaporaz) le
opere teatrali di autori vincitori o segnalati al Premio, in modo da
completare ­ con un importante contributo alla produzione – il ciclo che va
dalla scrittura del testo alla sua messa in scena e, quindi, al confronto
tra l’opera e il pubblico.
L’iniziativa è svolta in collaborazione con il Comune di Riccione e il
Comune di Cattolica, associato a Emilia Romagna Teatro.

La prima parte della rassegna, che si apre il 28 novembre, è completamente
dedicata agli ultimi vincitori del Premio Tondelli: Fausto Paravidino e
Letizia Russo. In ordine verranno rappresentati 2 fratelli di Fausto
Paravidino (vincitore del Premio Tondelli nel 1999) nel nuovo allestimento a
cura di Motusfactory, prodotto in collaborazione con Riccione Teatro; Tomba
di cani di Letizia Russo (vincitrice del Premio Tondelli nel 2001), la cui
messa in scena prodotta dall’Associazione Teatrale Pistoiese per la regia di
Cristina Pezzoli è stata candidata al Premio Olimpico del Teatro per la
migliore novità teatrale e per la miglior regia, vincendo con Isa Danieli il
premio per la migliore interpretazione femminile; infine, Natura morta in un
fosso di Fausto Paravidino nella messa in scena della compagnia ATIR, con
Fausto Russo Alesi (Premio Ubu 2002 per la categoria “nuovo attore under 30”) per la regia di Serena Sinigaglia.

La seconda parte della stagione, che ha inizio con l’anno nuovo, prevede in
calendario una selezione di opere teatrali di autori premiati o segnalati al
Premio Riccione (oltre all’ultimo vincitore del Premio Tondelli).

Gli spettacoli in programmazione sono i seguenti: Bellissima Maria, di
Roberto Cavosi (vincitore del Premio Riccione nel 2001), con Ottavia Piccolo
e Ivano Marescotti per la regia di Sergio Fantoni; Dinner Party, di Pier
Vittorio Tondelli (vincitore del premio speciale della giuria al Premio
Riccione del 1985), per la regia di Nanni Garella, prodotto dall’ERT e dal
Teatro Stabile di Brescia; Nero cardinale, di Ugo Chiti (vincitore del
Premio Riccione nel 1987), con Alessandro Benvenuti per la regia di Ugo
Chiti; Naufragi di Don Chisciotte, di Massimo Bavastro (vincitore del premio
speciale della giuria al Premio Riccione del 1999), con Gigio Alberti, per
la regia di Lorenzo Loris, prodotto dal Teatro Out Off di Milano; Maggio
’43, di e con Davide Enia (vincitore del Premio Tondelli 2003); Stranieri,
una serata di teatro per Antonio Tarantino (vincitore per due volte del
Premio Riccione, con Stabat Mater nel 1993, con Materiali per una tragedia
tedesca nel 1997), a cura di Cherif, con le letture sceniche di Piera Degli
Esposti, Paolo Bonacelli e Antonio Tarantino; Le nozze di Antigone, di
Ascanio Celestini (menzione speciale al Premio Riccione del 2001), con
Veronica Cruciani, per la regia di Veronica Cruciani e Arturo Cirillo; A chi
lo dico?, una serata con Raffaello Baldini che interpreterà il proprio testo

In fondo a destra insieme a sue poesie tratte dall’ultimo libro Intercity;
la rassegna si conclude il 19 aprile con lo spettacolo Il sole dorme, di
Sonia Antinori (vincitrice del Premio Riccione nel 1995), per la regia di
Cristina Pezzoli, prodotto dall’Associazione Teatrale Pistoiese.

La programmazione prevede, inoltre, alcuni eventi speciali.
Dall’11 al 13 dicembre Barbara Nativi, attrice, regista e direttrice
artistica del Teatro della Limonaia di Sesto Fiorentino e del festival
internazionale di drammaturgia contemporanea “Intercity”, curerà un
laboratorio al quale saranno invitati a partecipare studenti e giovani
attori.
I testi su cui verrà centrato questo laboratorio sono Peanuts – Noccioline
di Fausto Paravidino (che è stato proclamato migliore pièce straniera
dell¹anno per la stagione 2002-2003 dalla rivista tedesca “Theater Heute”)
e Dead End – Binario morto di Letizia Russo, entrambi commissionati
originariamente dal National Theatre di Londra per il progetto “Connections”
dedicato a nuovi testi per un teatro di giovani interpreti.

Il 13 dicembre, a conclusione del laboratorio, si svolgerà la giornata di
studio dal titolo “Nuovo teatro e nuovi autori”, alla quale interverranno
giovani autori della nuova scena italiana.

lastagionedelpremio@riccioneteatro.it

dal lunedì al venerdì 10.30/13.30 e 15.30/17.30
tel. 0541/694425

fax 0541/475803

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454