Indietro
menu
Ambiente Cesena

Targhe alterne: si parte il 2 ottobre, ma solo il giovedì

In foto: Targhe alterne, ma solo al giovedì, a partire dal 2 ottobre. La Giunta Comunale di Cesena ha approvato la decisione di limitare la circolazione con veicoli a targhe alterne in una sola giornata settimanale e fino alle ore 18,00, in deroga all’accordo regionale, che fissa il limite alle 19,30.
www.comune.cesena.fc.it
di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 10 set 2003 11:02 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Viene così riconfermato a Cesena l’orario in vigore nel 2002. Il provvedimento – spiega una nota del Comune – è stato approvato per andare incontro alle esigenze dei cittadini e per ovviare a possibili disagio nella viabilità, ma anche in seguito al confronto con il Sindacato dei Lavoratori e con le Associazioni di Categoria.

A partire da giovedì 2 ottobre fino al 31 marzo 2004, infatti, i cesenati e i residenti in Emilia Romagna che transiteranno in città nella giornata di giovedì, dovranno rispettare la regola delle targhe alterne dalle 8,30 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 18,00.
L’iniziativa sarà tuttavia interrotta, dal 10 dicembre al 7 gennaio, in occasione delle festività natalizie. Novità di quest’anno sarà quindi la libera circolazione alla domenica.
“Il provvedimento – spiega l’assessore all’Ambiente Bruno Gobbi – è scaturito da un ampio confronto con tutti i maggiori comuni dell’Emilia Romagna e con la Regione stessa. L’esperienza dello scorso anno ha dimostrato efficacia, poiché c’è stata una riduzione circa del 25 per cento del traffico, e un calo di circa il 15 per cento delle polveri sottili nella giornata del giovedì. Ribadisco però l’indispensabilità di interventi strutturali quali il potenziamento del trasporto pubblico, l’incentivo all’uso di combustibili meno inquinanti sia per l’autotrasporto che per le abitazioni e un cambiamento radicale della logistica per il trasporto delle merci.”