Indietro
menu
Cronaca Rimini

Sgominata banda specializzata in furti di tir

In foto: Un'organizzazione criminale napoletana specializzata in furti di Tir e vettori stradali carichi di merce é stata sgominata, dopo quasi un anno di indagini, dalla sezione di polizia giudiziaria della Polizia stradale di Rimini.
di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 26 set 2003 16:44 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Due pregiudicati napoletani di 29 e 38 anni sono stati
arrestati in esecuzione ad altettante ordinanze di custodia
cautelare firmate dal Gip del Tribunale di Rimini Giacomo
Gasparini, su richiesta del pm Marilù Gattelli.
Altre tre
persone sono state indagate a piede libero e tre sono i trattori
stradali, risultati rubati nelle province di Mantova, Reggio
Emilia e Foggia, finora recuperati dalla Polstrada.
Non c’é
invece traccia della merce contenuta nei rimorchi che la banda
agganciava nelle aree di sosta per camionisti o nei parcheggi
delle aziende dove alcuni furti sono stati messi in atto e
ricettata – secondo le indagini – in tempi record da altre
organizzazioni criminali campane.

L’inchiesta e’ iniziata circa un anno fa ed ha preso le
mosse dopo che un Tir rubato, cui erano stati clonati i numeri
di telaio, applicate targhe pulite e dotato di documenti di
circolazioni intestati ad aziende risultate estranee alla
vicenda, é stato trovato abbandonato in un’azienda dell’entroterra riminese. Scoperto il ‘taroccamento’ del trattore
stradale e trovata anche falsa documentazione che serviva a
certificare la legalità del carico trasportato nel caso che il
conducente fosse stato fermato per un controllo, la Polstrada ha
iniziato una minuziosa opera investigativa per ricostruire in
quante regioni erano stati messi a segno furti di trattori
stradali e rimorchi carichi di merce delle più svariate
tipologie.
Allo stato attuale dell’indagine sono una ventina i colpi
addebitati all’ organizzazione messi a segno tra Rimini e
Riccione e le province di Pesaro-Urbino e Ancona. Non si esclude
– anzi c’é quasi la certezza – che l’organizzazione abbia agito
anche in molte regioni del Nord Italia.