Indietro
menu
Rimini Sanità

La terapia del sorriso per i piccoli degenti dell' 'Infermi'

In foto: Il sorriso come terapia. Personale dell'Ospedale Ceccarini di Riccione ogni venerdì si trasformerà in un gruppo di clown e si esibirà al reparto di Pediatria dell''Ospedale Infermi di Rimini.
di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 11 set 2003 11:59 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“Se il sorriso fa buon sangue, si può guarire dal ridere”. lo affermava Patch Adams, il famoso medico americano che per primo pensò alla figura del medico-clown negli ospedali per far divertire i bambini ricoverati. A questa filosofia si ispira l’ospedale di Rimini con l’iniziativa “Dottor Clown”: tre dottori e quattro infermieri dell’ospedale Ceccarini di Riccione, smessi i camici e indossata l’uniforme da clown, con trombetta e naso rosso d’ordinanza, animeranno i venerdì pomeriggio del reparto riminese di pediatria. Con la voglia di portare il sorriso dove c’è sofferenza.

Ascoltiamo il “Dottor Biberon”, Flavio De Nardis e “dottor Chicco”, Federico Ruggeri.

Il sorriso diventa così una sorta di terapia da affiancare a quella medica più tradizionale. Un’esperienza non nuova per la pediatria di Rimini, che grazie all’attività svolta l’anno scorso con il centro Zaffiria ha ricevuto a maggio il premio regionale “URP inViaggio” per il progetto Hakuna Matata.

Ascoltiamo Vico Vecchi, Primario U.O. di Pediatria Ospedale “Infermi” Rimini.

Ogni anno in pediatria a Rimini sono ricoverati oltre 1.200 bambini tra zero e 14 anni, ai quali si aggiungono altri 600 ricoveri in day hospital. Al momento ne sono ospitati 15. Inoltre, da quando è stata attivata la chirurgia pediatrica, poco più di un anno fa, sono stati effettuati 480 interventi.

Notizie correlate
Nessuna notiza correlata.