Indietro
menu
Rimini

La Fondazione Carim ricorda i fondatori e mantiene il controllo della Cassa

In foto: “Con lo spirito dei fondatori, verso nuove forme di impegno per la comunità locale”. Partendo da questa promessa, fatta a conclusione del primo decennio di attività della Fondazione Carim, è stata scoperta ieri, nell’atrio di Palazzo Buonadrata, la lapide a ricordo degli 89 soci fondatori che nel 1840 diedero vita alla Cassa di Risparmio di Rimini.
www.fondcarim.it
di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 24 set 2003 12:52 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ascoltiamo Luciano Chicchi, pres. Fondazione Carim.

Il presidente Chicchi ed il vicepresidente Alfredo Aureli hanno poi confermato gli impegni futuri della Fondazione; tra i progetti in cantiere, uno dedicato agli anziani che prevede, in un primo momento, un aiuto alle famiglie per l’assistenza domiciliare e in un secondo tempo la creazione di un centro dove un anziano o una coppia possano trasferirsi con i propri beni, potendo contare su un’assistenza completa. Un nuovo importante progetto su cui lavorare, ma anche la conferma dell’impegno su altri fronti. Ascoltiamo ancora Chicchi.

Alla cerimonia ha partecipato anche Giuseppe Guzzetti, Presidente dell’Associazione Casse di Risparmio Italiane, che ha approfittato dell’occasione per fare il punto sulla situazione normativa delle Fondazioni Bancarie. Ad agosto c’è stata un’importante vittoria in Parlamento: 20 fondazioni minori, tra cui la Fondazione Carim, non saranno costrette a cedere il controllo della Cassa.

Sentiamo Giuseppe Guzzetti.