Indietro
menu
Cattolica

Cattolica: all'acquario delle Navi si accoppiano i Nautilus

In foto: L'acquario del parco Le Navi di Cattolica si conferma in una stagione particolarmente feconda: Dopo le meduse Aurelia aurita, i cardinali delle Molucche, i pesci Pagliaccio, gli squali Gattuccio, e la deposizione delle uova della femmina di squalo Port Jackson, è il arrivato il momento degli accoppiamenti dei Nautilus.
In questi giorni , infatti, si sono osservati, nel Cilindro dei Nautilus, numerosi momenti di accoppiamento ed è anche avvenuta la deposizione di alcune uova da parte di una delle femmine ospiti.
Il Nautilus della specie Nautilus pompilius, spiega una nota del Parco, viene considerato tra gli ultimi fossili viventi, apparsi centinaia di milioni di anni sul nostro Pianeta e sopravvissuto ai cataclismi del tempo mantenendo intatta la sua forma.
Oggi il Nautilus è sempre più raro a causa della pesca per la sua ricercata conchiglia, molto richiesta dai collezionisti, tra i maggiori responsabili della sua diminuzione sul nostro Pineta.
Nonostante abbia questa dura conchiglia, avvolta sul capo in una spirale piena, costituita da tante camere di cui soltanto l'ultima è occupata dall'animale vivente, il Nautilus è in realtà un cefalopode, della stessa famiglia dei calamari e delle seppie.
Raggiunge la maturità sessuale - spiega ancora una nota del Parco - intorno ai 10 anni. La fecondazione è interna ed avviene per mezzo di un organo copulatore ottenuto da 4 tentacoli modificati fusi.
La femmina ha deposto diverse grosse uova, nascondendole nelle fessure della roccia all'interno della vasca, al riparo dagli altri esemplari. I tempi di schiusa avvengono in base alla temperatura dell'acqua, quindi possono variare dai 2 ai 6 mesi.
Sono rarissime le riproduzioni in cattività di questa specie, infatti sono solo due i casi riportati dalla bibliografia scientifica, uno è avvenuto nel 1989 a Kaimoike in Giappone dove i 12 nati sono sopravvissuti solo due mesi, un altro raro caso è avvenuto nel 1990 a Waikiki in Hawaii, dove solo due cuccioli sono sopravissuti.
All'Acquario di Cattolica comunque la soddisfazione dello staff acquariologico è molto forte per questo ulteriore risultato positivo, perché gli animali arrivano alla riproduzione e alla deposizione delle uova solo quando l'habitat in cui vivono è perfettamente idoneo alla specie.

L'Acquario di Cattolica da lunedì 15 settembre inizia l'orario di bassa stagione, con l'apertura alle ore 9,30 fino alle 17,30, con prolungamento di un ora per le domeniche.
La giornata di chiusura settimanale è il lunedì a partire da lunedì 29 settembre. La chiusura ufficiale della stagione 2003 è prevista per il 2 novembre.

www.lenavi.it
di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 12 set 2003 18:51 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’acquario del parco Le Navi di Cattolica si conferma in una stagione particolarmente feconda: Dopo le meduse Aurelia aurita, i cardinali delle Molucche, i pesci
Pagliaccio, gli squali Gattuccio, e la deposizione delle uova della femmina
di squalo Port Jackson, è il arrivato il momento degli accoppiamenti
dei Nautilus.
In questi giorni , infatti, si sono osservati, nel Cilindro
dei Nautilus, numerosi momenti di accoppiamento ed è anche avvenuta la
deposizione di alcune uova da parte di una delle femmine ospiti.

Il Nautilus della specie Nautilus pompilius, spiega una nota del Parco, viene considerato tra gli ultimi
fossili viventi, apparsi centinaia di milioni di anni sul nostro Pianeta e
sopravvissuto ai cataclismi del tempo mantenendo intatta la sua forma.
Oggi
il Nautilus è sempre più raro a causa della pesca per la sua ricercata
conchiglia, molto richiesta dai collezionisti, tra i maggiori
responsabili della sua diminuzione sul nostro Pineta.
Nonostante abbia questa dura conchiglia, avvolta sul capo in una spirale
piena, costituita da tante camere di cui soltanto l’ultima è occupata
dall’animale vivente, il Nautilus è in realtà un cefalopode, della stessa
famiglia dei calamari e delle seppie.

Raggiunge la maturità sessuale – spiega ancora una nota del Parco – intorno ai 10 anni. La fecondazione è
interna ed avviene per mezzo di un organo copulatore ottenuto da 4 tentacoli
modificati fusi.
La femmina ha deposto diverse grosse uova, nascondendole
nelle fessure della roccia all’interno della vasca, al riparo dagli altri
esemplari. I tempi di schiusa avvengono in base alla temperatura dell’acqua, quindi possono variare dai 2 ai 6 mesi.
Sono rarissime le riproduzioni in cattività di questa specie, infatti sono
solo due i casi riportati dalla bibliografia scientifica, uno è avvenuto nel
1989 a Kaimoike in Giappone dove i 12 nati sono sopravvissuti solo due mesi,
un altro raro caso è avvenuto nel 1990 a Waikiki in Hawaii, dove solo due
cuccioli sono sopravissuti.
All’Acquario di Cattolica comunque la
soddisfazione dello staff acquariologico è molto forte per questo ulteriore
risultato positivo, perché gli animali arrivano alla riproduzione e alla
deposizione delle uova solo quando l’habitat in cui vivono è perfettamente
idoneo alla specie.

L’Acquario di Cattolica da lunedì 15 settembre inizia l’orario di bassa
stagione, con l’apertura alle ore 9,30 fino alle 17,30, con prolungamento
di un ora per le domeniche.

La giornata di chiusura settimanale è il lunedì a partire da lunedì 29
settembre.
La chiusura ufficiale della stagione 2003 è prevista per il 2 novembre.

www.lenavi.it

Notizie correlate
Nessuna notiza correlata.